WALL STREET: NON C’E’ TREGUA PER I LISTINI

14 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Un’ora dopo la soglia di meta’ giornata Dow Jones e Nasdaq accentuano leggermente le perdite, allontanandosi sempre piu’ dalle rispettive soglie psicologiche di 10.000 e 2.000 punti.

Il Dow ha perso 800 punti nelle ultime 4 giornate di scambi, raggiungendo il minimo intraday degli ultimi 5 mesi.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

Secondo Barry Hyman, chief market strategist per Weatherly Securities, “quello che sta succedendo sui mercati e’ dettato dall’emotivita’, dato che tutte le notizie uscite oggi erano gia’ note o ampiamente attese”.

E’ sicuramente il caso del ‘profit warning’ emesso in mattinata dal gigante del fast food McDonald’s, previsto in netto anticipo dagli analisti di settore date le chiare difficolta’ della societa’ sia sui mercati europei che su quello nazionale.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore grande distribuzione, editoriale, bevande, telecomunicazioni, difesa, media radiotelevisivi, infrastrutture petrolifere..

In calo invece il settore casse di risparmio, bancario, brokeraggio, telefonico, ferroviario, infrastrutture per le comunicazioni.