WALL STREET: NASDAQ SUPERA I 2.200 PUNTI

5 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street prosegue la seduta a due marce dopo la diffusione del dato relativo agli ordini alle fabbriche nel mese di aprile in calo rispetto alle stime degli analisti.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Nel quarto mese dell’anno, il dato e’ infatti sceso del 3%: un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme alla rete televisiva CNBC tra gli economisti di Wall Street aveva anticipato un calo del dato del 2,8%.

Da segnalare, anche se decisamente non rilevante anche il NAPM non manifatturiero nel mese di maggio giunto a quota 46.6, in calo rispetto allo scorso mese (46.7).

A chiudere ques’oggi la tornata di dati economici, il dato sulla produttivita’ negli Stati Uniti attestatasi nel primo trimestre a -1,2%.

Il numero era stato precedentemente comunicato in diminuzione dello 0,1%, scendendo per la prima volta negli ultimi sei anni.

Secondo gli analisti, il declino ha rispecchiato soprattuto il rallentamento della crescita economica, aggiungendo che la revisione del governo sulle stime relative al PIL del primo trimestre all’1,3% rispetto al precedente 2%, ha contato fortemente nella revisione della crescita nella produttivita’.

Secondo un sondaggio sempre condotto da Dow Jones e dalla rete televisiva CNBC, gli economisti si attendevano una contrazione dello 0,8%.

Visti questi tre dati, il comportamento a Wall Street si presenta a doppia velocita’, con il Nasdaq che supera i 2.200 punti e il Dow Dow Jones che gravita sugli 11.000 punti sulla parita’.

A dare la spinta verso l’alto al tabellone elettronico, Xilinx (XLNX – Nasdaq), compagnia attiva nel settore dei chip, che in mattinata ha annunciato di non aver cambiato le proprie attese per i risultati del secondo trimestre dell’anno.

Ma anche l’upgrade di Salomon Smith Barney su Comverse Technologies (CMVT – Nasdaq) da “Buy” a “Outperform”.

In controtendenza il commento negativo di Lehman Brothers su Check Point Software (CHKP – Nasdaq) che lunedi’ dopo la chiusura registrava una flessione dell’11%.

Una buona notizia giunge anche dal settore della distribuzione. Lehman Brothers ha alzato il suo rating su J.C. Penney (JCP – Nyse) , una catena di grandi magazzini, da “Buy” a “Strong Buy”.

Tra i principali titoli in movimento a Wall Street:

Nel settore areospaziale:

Il colosso aerospaziale Boeing (BA – Nyse) ha vinto una commessa da $4 miliardi con il dipertimento della Difesa USA per la revisione del sistema di volo presente all’interno della cabina di pilotaggio di 500 veivoli C-13. Nelle contrattazioni Boeing sta conquistando quasi il 2 %.
(Vedi BOEING: COMMESSA DA PENTAGONO PER $4 MLD )

Nel settore telefonia mobile:

AT&T (T – Nyse) ha accusato ieri Microsoft (MSFT – Nasdaq) di aver violato i brevetti dell’operatore telefonico americano sulla tecnologia di riconoscimento vocale, protetta dal copyright da 20 anni. AT&T sta cedendo lo 0,5%. Microsoft guadagna quasi l’1,5%.
(Vedi AT &T: CAUSA LEGALE CONTRO MICROSOFT )

Nel settore software:

Hewlett-Packard (HWP – Nyse) ha rivisto in negativo i dati di bilancio del primo trimestre dell’anno, il suo secondo fiscale, in modo da includere un onere straordinario di $400 milioni relativo all’accordo extragiudiziale con Pitney Bowes (PBI – Nyse). HWP sta cededo lo 0,25%, PBI conquista l’1,25%
(Vedi UTILI: HP RIVEDE BILANCI PRIMO TRIMESTRE )

Entrust Technologies (ENTU – Nasdaq)
sta salendo di oltre lo 0,25%. La societa’ di sistemi di sicurezza per Internet lunedi’ ha approvato un nuovo modello di business e nuove strategie, tra cui l’eliminazione di 400 posti di lavoro, la riorganizzazione di alcune operazioni e la chiusura di alcuni uffici. A seguito dell’annuncio, Lehman Brothers questa mattina ha consigliato alla clientela di mantenersi cauta sul titolo e attendere gli sviluppi del piano di ristrutturazione.

Nel settore chip:

Xilinx (XLNX – Nasdaq), societa’ di circuiti integrati, e’ in rialzo di quasi il 7% dopo aver detto che non ha cambiato le sue attese per i risultati del secondo trimestre dell’anno, il suo primo fiscale, nonostante le cancellazioni di ordini siano aumentate considerevolmente. Xilinx continua ad attendersi per il trimestre un calo del fatturato del 15%-25%.