WALL STREET: NASDAQ SU’ GRAZIE AI TELEFONICI

15 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Le previsioni riviste al ribasso da Merril Lynch per il mercato dei pc non sembra stiano sortendo effetti nefasti sul tabellone elettronico che attualmente registra un guadagno di oltre 17 punti a quota 2098.

A trainare il tabellone elettronico al ribasso, le buone prestazioni di Rf Microdevices Inc (RFMD – Nasdaq) e Silicon Storage Technology Inc (SSTI – Nasdaq).

La parte del leone la sta facendo il comparto telefonico dopo che China Unicom’s (CHU – Nyse), ha stipulato un contratto di $1,5 miliardi con 10 societa’ americane tra cui Lucent Tecnnologies (LU – Nyse), Motorola (MOT – Nyse), Nortel Networks Corp (NT – Nyse), Ericsson (ERICY – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Lo scopo dell’accordo e’ quello di costruire sul continente cinese una vasta rete di telecomunicazioni.

A fornire il software per la costruzione del network sara’ Qualcomm (QCOM – Nasdaq).

Nonostante queste notizie la ragione dei volumi di scambio rimane molto bassa.

Wall Street sta vivendo una seduta di contrattazioni decisamente difficile a causa delle incognite che circondano le aspettative della prosima mossa di politica monetaria della Fed.

“La Federal Reserve potrebbe alla fine rivelarsi piu’ cauta e tagliare i tassi d’interesse di soli 25 punti base almeno fino a che non avra’ un migliore lettura della situazione economica”, ha detto Lynn Reaser, capo economista di Bank America Capital Management.

A seguire la via della cautela e’ anche Rob Cohen di Credit Suisse of Boston secondo cui: “la gente non fara’ nulla prima dell’annuncio della decisione per la paura di fare le scelte sbagliate”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Jeff Petherick trader di NorthPointe Capital: “il gioco di capire quello che la Fed e’ in procinto di fare e’ estremamente difficile. Quello che a me pare piu’ certo e’ che fino alla decisione di questo pomeriggio non ci sara’ un alto volume di scambi”. Da ricordare che, dall’inizio dell’anno, la Fed ha gia’ tagliato i tassi sui Fed Funds quattro volte per un totale di duecento punti base.