WALL STREET: NASDAQ RISALE, PIATTO IL DOW JONES

21 Ottobre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Seduta di Borsa a New York a due facce, con il Dow Jones piatto ed il Nasdaq che cerca di rialzare la testa, con un progresso che sfiora l’ 1%, in virtù delle buone prospettive del settore hi-tech. Le brillanti previsioni rilasciate ieri da Texas Instruments, insieme ai positivi dati trimestrali, hanno messo in luce l’ intero comparto dei semiconduttori facendo vivere una giornata sì ai titoli tecnologici. Il Dow Jones paga, invece, le deludenti trimestrali di AT&T e SBC Communication, mentre lo S&P 500 è sostanzialmente invariato a dispetto dell’ exploit di Texas Instruments e delle previsioni degli economisti che si attendono per le aziende del listino utili in rialzo in media del 18%. Tuttavia nel mercato sembra prevalere sempre la diffidenza anche in considerazione della forte accelerazione che ha spinto i listini dall’ 11 marzo scorso. In una settimana scarna sotto il profilo dei dati macroeconomici statunitensi sono le trimestrali della Corporate, per quanto già scontate dal mercato, a muovere la Borsa Usa. Finora però le notizie non sono state così buone da spingere gli indici verso rialzi sostanziosi dal momento che gli investitori puntano su risultati aziendali che “non solo superino le previsioni degli analisti – osserva Richard Nash di di Victory Capital Management di Cleveland – ma preannuncino un netto miglioramento per il futuro”. In particolare oggi a soffrire è il comparto delle blue chip per via delle trimestrali di AT&T e SBC Communication. La big della telefonia Usa di lunga distanza, cede 1,01 dollari, a 20,26 dollari per azione, dopo aver dichiarato utili in calo del 13% nel terzo trimestre, a causa di una perdurante contrazione delle vendite che si registra ormai da 15 trimestri consecutivi. SBC Communications, seconda maggiore compagnia Usa di telefonia locale, perde 81 cents, a 21,29 dollari, dopo aver comunicato utili in ribasso del 28%, accusando vendite in calo per il 12esimo trimestre di fila. Vola, invece, Texas Instruments che guadagna 1,94 dollari (a 27,61 dollari). In scia, Altera, numero due mondiale dei semiconduttori programmabili, sale di 48 cents a 19,23 dollari. Bene anche l’ internet company, EarthLink, che segna un rialzo di 61 cents a 8,13 dollari, dopo essere tornata in utile nel terzo trimestre. Eastman Kodak, infine, guadagna 69 cents a 23,81 dollari, dopo che i suoi azionisti hanno bocciato il piano di conversione incentrato su tagli al dividendo e sull’ investimento di tre miliardi di dollari nel nuovo settore della fotografia digitale. Attorno alle 18.20 italiane, il Dow Jones è in calo dello 0,07% a 9.771,57 punti; il Nasdaq composite sale dello 0,89% a 1.942,27 punti mentre lo S&P 500 guadagna lo 0,3% a 1.047,81 punti.