WALL STREET: NASDAQ NON SOFFRE CISCO, DOW +2,2%

26 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Dopo un’ora dalla soglia di meta’ giornata sulle borse USA, tutti gli indici si presentano in territorio positivo, trainati da un Dow Jones che vuole lasciarsi alle spalle lo sconfinamento nel ‘mercato orso’ di giovedi’.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina

In rialzo anche il Nasdaq che non soffre i ‘profit warning’ arrivati questa mattina dal settore semiconduttori ne la pessima performance del titolo Cisco Systems (CSCO – Nasdaq), finito nel corso della seduta a quota $17,73, il nuovo minimo ‘intraday’ sulle 52 settimane.

A pesare sul titolo Cisco sono le voci secondo cui la societa’ sarebbe sul punto di lanciare un ‘profit warning’ sul terzo trimestre.

Ai rumors di borsa si aggiungono inoltre le dichiarazioni fatte al Financial Times dall’amministratore delegato di Cisco, John Chambers, secondo cui il rallentamento dell’economia americana continuera’ “per almeno altri tre trimestri” e probabilmente anche oltre.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore sanita’, auto, edilizio, linee aeree, telecomunicazioni, utility, trasporti, biotecnologico, tabacco, farmaceutico.

In calo invece il settore semiconduttori, bevande analcoliche, oro, tempo libero, grande distribuzione, prodotti per l’ufficio.