WALL STREET: NASDAQ IN CALO COLPITO DA TXN

7 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta sotto tono per Wall Street, con il Nasdaq particolarmente debole a causa del deludente outlook diffuso nell’after hour di lunedi’ dal colosso dei semiconduttori Texas Instruments. A mettere pressione ai mercati e’ anche l’avanzamento dei tassi d’interesse a lungo termine schizzati al 4.78%. Il Dow Jones e’ in calo dello 0.02% a 11956, l’S&P500 cede lo 0.25% a 1285, il Nasdaq arretra dello 0.49% a 2274.

Nella giornata di ieri, subito dopo la chiusura delle borse, la societa’ di chip per cellulari, Texas Instruments, nel consueto aggiornamento infratrimestrale, ha annunciato una revisione al rialzo dei profitti, in misura inferiore, pero’, alle attese degli analisti.

Il titolo e’ arrivato a perdere piu’ del 4% nelle prime battute. La notizia arriva una settimana dopo la deludente comunicazione di Intel, relativa ad un ridimensionamento dei ricavi rispetto alle stime precedenti.

Inferiore alle attese il dato macro sulla produttivita’ del quarto trimestre. La seconda lettira dell’indicatore ha segnato una flessione dello 0.5%, in leggero rialzo rispetto alla stima precedente di 0.6%, ma in calo rispetto alle attese degli analisti che erano per un arretramento di un modesto 0.1%.

Nel comparto energetico, sostanzialmente invariato il petrolio. Nella prima mezz’ora di scambi, I futures con scadenza aprile sono in ribasso di 6 centesimi a quota $62.35 al barile. Dalle ultime notizie sembrerebbe che l’Iran abbia accettato la sopsensione sul programma relativo all’arricchimento dell’uranio su larga scala per un periodo di due anni.

Il fatto distende le tensioni che si erano create nell’ultimo mese nel comparto, anche a causa dei disordini in Nigeria, e che avevano portato il prezzo dell’oro nero ad un soffio dai $64. Domani sara’ una giornata di rilievo per il settore dell’energia. Oltre al dato settimanale sulle scorte, in calendario c’e’ anche il meeting dell’OPEC sulla decisione relativa alla quantita’ di output.

Tornando al comparto societario, una parentesi va aperta per le societa’ Biogen e Elan, momentaneamente sospese dalle contrattazioni per la revisione da parte della FDA sul discusso farmaco Tysabri.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in lieve rialzo l’oro, al momento in progresso di $0.40 a $557.20 all’oncia. Sul valutario, l’euro e’ in calo rispetto al dollaro a quota $1.1906.