WALL STREET: NASDAQ IN CADUTA LIBERA (-3%)

1 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dalla chiusura delle borse a New York, il Nasdaq continua a precipitare, trascinando al ribasso tutti gli altri indici. Male anche il Dow Jones, che si avvicina pericolosamente alla soglia dei 10.300 punti.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

Dopo aver sfondato la soglia dei 2.100 punti, il tabellone elettronico prosegue la propria discesa agli inferi e perde adesso oltre il 3%.

Sull’indice Nasdaq Composite pesano in particolare il settore dei chip, dopo che Merrill Lynch ha rivisto al ribasso le stime su tutto il comparto.

A pesare sul Dow Jones sono in particolare i ribassi che hanno colpito Boeing, AT&T, Hewlett-Packard, Citigroup, Home Depot e Microsoft.

Secondo John Blough, presidente and fondatore di Bond Watch, con l’indice delle blue chip a questi livelli si aprono “le migliori possibilita’ d’acquisto degli ultimi dieci anni”. Blough prevede dunque che il Dow possa tornare sopra quota 11.000 punti entro la fine di marzo.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore della perforazione petrolifera, tabacco, servizi petroliferi, alimentare, giocattoli, assicurazioni sanitarie private.

In calo invece il settore dei servizi per le telecomunicazioni, brokeraggio, bancario, grande distribuzione, trasporti, chip, telecomunicazioni e software.