WALL STREET: NASDAQ GIU’, DOW E S&P POSITIVI

5 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A circa un quarto d’ora dall’apertura delle borse a New York, i futures sugli indici restano contrastati. Il contratto sul Nasdaq perde quasi mezzo punto sulle cattive notizie arrivate dal settore dei semiconduttori e le previsioni negative sugli utili di Cisco, mentre i contratti su Dow Jones e S&P rimangono positivi, pur avvicinandosi alla soglia di parita’.

Alle 15:15 (le 9:15 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 1 punti (+0,07%).

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di 10,5 punti (-0,42%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 10 punti (+0,9%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1044,1 e rendimenti al 5,16%.

Questa mattina l’associazione dei produttori di semiconduttori USA ha reso noto che nel corso del 2000 le vendite complessive del settore si sono attestate a quota $204 miliardi, al di sotto delle previsioni. Stime negative anche per quanto riguarda il 2001, in cui difficilmente sara’ rispettata la previsione di crescita delle vendite del 22%.

Il ‘sentiment’ del settore tcnologico e’ trascinato verso il basso anche dal clima negativo che precede l’annuncio dei risultati del quarto trimestre di Cisco Systems, fissato per martedi’ pomeriggio.

La societa’ di brokeraggio First Call/Thompson Financial si attende utili a quota 19 centesimi per azione, in aumento rispetto ai 13 centesimi per azione registrati nello stesso periodo dell’anno prima.

Wall Street attende con il fiato sospeso, sia per la capacita’ del titolo di trascinare l’intero mercato, sia perche’ la scorsa settimana l’Amministratore Delegato di Cisco ha rilasciato commenti molto cauti sullo stato di salute della societa’. Le previsioni di First Call sono per un peggioramento dei risultati nel primo trimestre 2001.