WALL STREET: NASDAQ FORTE, IL DOW RALLENTA

19 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Indici in rialzo in tarda mattinata, nonostante un rallentamento del Dow Jones, mentre non si arresta il sentiment positivo che ha fatto scattare forti acquisti soprattutto nel comparto tecnologico dopo l’input di Oracle (ORCL – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

“Penso che il settore tecnologico godra’ di un recupero che potrebbe durare tre-cinque giorni”, ha dichiarato Robert LaFleur di Northern Trust Co., aggiungendo che poi il mercato potrebbe riprendere tra alti e bassi poiche’ gli investitori cercano maggiori indicazioni sull’outlook degli utili relativi al 2002.

Leit motiv del trend rialzista e’ il gruppo software Oracle, che lunedi’ sera ha pubblicato una trimestrale superando le stime del mercato, affermando inoltre che il peggio potrebbe ormai essere alle spalle.

Sulla scia delle affermazioni di Oracle avanza Cisco Systems(CSCO – Nasdaq).

“Gli investitori sperano davvero in una ripresa del settore tecnologico”, ha commentato John Davidson di Circle Trust Co.

A corroborare il settore high tech ci pensa anche Qwest Communications International(Q – Nyse), che ha affermato di prevedere un incremento del 13% nel fatturato del secondo trimestre dopo essere riuscita a strappare la clientela alle concorrenti piu’ deboli.

Tuttavia il ristagno della domanda connesso col rallentamento economico sta ancora avendo effetti su alcune societa’, come Metromedia Fiber Network (MFNX – Nasdaq), che ha ribassato le stime sugli utili, e Solectron (SLR – Nyse), che ha pubblicato un utile per azione trimestrale di 12 centesimi, in calo di un centesimo rispetto alle previsioni di Wall Street.

Il gruppo, che ha annunciato entro la fine del trimestre anche tagli a 12.600 posti di lavoro, ha rivisto al ribasso le stime sul quarto trimestre, indicando di prevedere ora un utile per azione di 5-9 centesimi contro i precedenti 16 centesimi.

Sembra non promettere bene l’esito della proposta fusione tra General Electric (GE – Nyse) e Honeywell International (HON – Nyse), dopo che Jeffrey Immelt, direttore generale della prima, ha dichiarato che le probabilita’ di ricevere il via libera dalla UE sull’acquisizione sono praticamente nulle.

Goldman Sachs Group (GS – Nyse) ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con un utile netto di $577 milioni, o $1,06 per azione, in calo per il terzo trimestre consecutivo a causa delle condizioni negative del mercato, ma in linea con le attese.

La banca d’affari Merrill Lynch & Co. (MER – Nyse) ha tagliato circa 200 posti di lavoro in Europa in risposta al peggioramento delle performance aziendali.

Lehman Brothers Holdings Inc. (LEH – Nyse), una delle principali banche d’affari di Wall Street, ha riportato per il secondo trimestre dell’anno un utile in rialzo del 14% grazie agli ottimi risultati nel mercato delle obbligazioni.

Notizie giungono anche dal fronte economico, il dato sulle nuove abitazioni costruite negli Stati Uniti ha registrato un calo dello 0,4% nel mese di maggio, portandosi a quota 1,622 milioni; lo ha comunicato questa mattina il dipartimento del Commercio Usa.

Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones mostra che gli analisti a Wall Street si attendevano un calo dello 0,6%.

Gli economisti di Moody’s Investors Service hanno sottolineato come il mercato edilizio resti un elemento positivo dell’economia americana.