WALL STREET: NASDAQ E DOW SULLA PARITA’

6 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Nonostante il commento positivo espresso da Goldman Sachs su SunMicrosystems (SUNW – Nasdaq), il tabellone elettronico, dopo essersi insediato in territorio negativo, oscilla ora sulla parita’.

Male il Dow Jones alle prese con un commento avverso di Berstein su Jp Morgan (JPM – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Joe Osha, analista di Merrill Lynch, si e’ detto preoccupato sul livello delle scorte di magazzino di Intel (INTC – Nasdaq).

L’analista della prestigiosa banca d’affari e’ convinto che sara’ “difficile” per il primo produttore al mondo di semiconduttori raggiungere le proprie stime di bilancio per il prossimo trimestre, ossia vendite comprese tra $6,2 miliardi e $6,8 miliardi.

“Qualora la societa’ riesca a rispettare le proprie stime – ha scritto Osha in una nota alla clientela – consiglio agli investitori di osservare con attenzione i livelli delle scorte di magazzino a Taiwan e il bilancio di Intel prima di comprare il titolo, sperando nella ripresa del mercato dei PC”.

Al commento di Merrill Lynch si aggiunge anche quello di Charlie Glavin di CS First Boston che ha espresso dubbi sulle performance future della societa’.

Dow Jones sotto pressione oggi anche per un downgrade di Thompson su Procter & Gamble (PG – Nyse), controbilanciato pero’ da un upgrade di Lehman Brothers.

Britsol-Myers Squibb (BMY – Nyse) sembra inoltre il candidato favorito nella corsa all’acquisizione delle attivita’ farmaceutiche di DuPont (DD – Nyse), per le quali il gruppo ha offerto, a detta degli analisti, circa $6-7 miliardi di dollari in contanti.

A incidere sui mercati,
Priceline.com (PCLN – Nasdaq) dopo la notizia che Hutchison Whampoa e Cheung Kong Holdings compreranno circa 25 milioni di azioni della societa’, e Citrix Systems (CTXS – Nasdaq) che ha espresso la convinzione che i risultati del secondo trimestre batteranno le aspettative.

A muovere il mercato tecnologico l’espansione delle operazioni in Italia e Gran Bretagna, di Excite@Home (ATHM – Nasdaq) che ha annunciato la prossima chiusura delle operazioni nel settore media in Francia, Germania e Spagna.

Sui listini in generale, stanno mostrando una tendenza al rialzo i settori prodotti per la casa e per il giardino, ristorazione, controllo dell’inquinamento, difesa, software, telecom.

In ribasso, invece, i settori petrolio, acciaio, edilizia, finanziario, biotech.

Tra i principali titoli in movimento a Wall Street:

Nel settore largo consumo:

Procter & Gamble(PG – Nyse) sta guadagnando il 3% dopo che Lehman Brothers ha rialzato il proprio rating a “Buy” da “Market Perform” basandosi sulle buone opportunita’ relative all’andamento del gruppo in attesa della riunione di quest’ultimo sull’outlook, in agenda per il 15 giugno prossimo. Il broker prevede che nel corso del meeting verranno confermati la crescita negli utili per l’anno fiscale al 2002 e i tassi di crescita nel lungo termine.

Nel settore farmaceutico:

Britsol-Myers Squibb (BMY – Nyse) che ora perde oltre lo 0,5%, sembra la candidata favorita nella corsa all’acquisizione della divisione farmaceutica di DuPont (DD – Nyse), per la quale il gruppo ha offerto, a detta degli analisti, circa $6-7 miliardi di dollari in contanti. Dupont, guadagna piu’ dello 0,5%.
(Vedi BRISTOL-MYERS: VICINO ACQUISTO CONTROLLATA DUPONT )

Nel settore internet:

Priceline.com (PCLN – Nasdaq) sta conquistando oltre il 21,5%.
nelle contrattazioni dopo che due societa’ di Hong Kong hanno aumentato la loro partecipazione nel sito Internet comprando titoli dal fondatore Jay S. Walker.
(Vedi PREBORSA: PRICELINE +14%, FONDATORE VENDE AZIONI )

Guardando all’espansione delle operazioni in Italia e Gran Bretagna, Excite@Home (ATHM – Nasdaq) ha annunciato la prossima chiusura delle operazioni nel settore media in Francia, Germania e Spagna. In questo momento cede lo 0,25%
(Vedi INTERNET: EXCITE@HOME PUNTA SU ITALIA E GB )

Nel settore chip:

Joe Osha, analista di Merrill Lynch, si e’ detto preoccupato sul livello delle scorte di magazzino di Intel (INTC – Nasdaq).
L’analista della prestigiosa banca d’affari e’ convinto che sara’ “difficile” per il primo produttore al mondo di semiconduttori raggiungere le proprie stime di bilancio per il prossimo trimestre, ossia vendite comprese tra $6,2 miliardi e $6,8 miliardi. In borsa, Intel sta perdendo l’1,25%.
(Vedi CHIP: MERRILL LYNCH
HA DUBBI SU INTEL
)

Infineon (IFX – Nyse), produttore di semiconduttori tedesco controllato al 56% da Siemens, ha avviato le procedure di registrazione presso la Sec per il collocamento di nuovi azioni negli Stati Uniti. Ora Infineon sta lasciando sul campo il 3,25%.
(Vedi CHIP: INFINEON, NUOVO COLLOCAMENTO IN USA )

Nel settore server:

Citrix Systems (CTXS – Nasdaq)
sale del 6,5%
dopo aver espresso la convinzione che i risultati del secondo trimestre batteranno le aspettative.