WALL STREET: NASDAQ CEDE SOTTO IL PESO DEI CHIP

9 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

Schiacciato dalle perdite sul comparto dei semiconduttori, il Nasdaq Composite oscilla indeciso attorno alla soglia di parita’ cancellando i guadagni della mattinata. Minore il contraccolpo sull’indice Dow Jones che, pur rallentando la marcia, si mantiene in rialzo.

In positivo anche l’indice delle societa’ a bassa capitalizzazione Russell 2000 che segna un rialzo superiore all’1%.

Verificare quotazione indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Il settore dei chip risente quest’oggi dei commenti negativi fatti dalla banca d’affari Lehman Brothers, secondo cui il comparto e’ destinato a registrare per l’intero anno un calo delle vendite tra il 18% e il 20%.

“L’anno peggiore per i semiconduttori e’ stato il 1985, con un calo del 17% – spiega Daniel Niles, l’analista che ha steso il rapporto – il 2001 sara’ peggio”.

Niles, dopo aver rivisto in negativo le stime sugli utili per Intel (INTC – Nasdaq) e Texas Instruments (TXN – Nyse), consiglia di alleggerire le posizioni sul settore e attendere che la domanda di chip torni forte.