WALL STREET: NASDAQ ACCENTUA I RIBASSI, -5,15%

28 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Nessun segnale di ripresa sui mercati azionari americani che, a un’ora dalla chiusura delle contrattazioni a New York, si mantengono sui minimi della giornata. Guida i ribassi il Nasdaq Composite con una cessione di oltre il 5%.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

A pesare su tutto il settore high tech sono in particolare i ‘profit warning’ provenienti dal colosso canadese Nortel Networks e l’americana Palm. Le due societa’ hanno infatti ammesso nella tarda serata di martedi’ di non essere in grado di raggiungere le stime di bilancio per il trimestre in corso.

Le notizie negative hanno cosi’ condizionato l’atteggiamento degli investitori che sembrano in questo periodo determinare le proprie strategie d’investimento di giorno in giorno. Persino Warren Buffet, uno delle figure piu’ leggendarie a Wall Street, ha ammesso ieri di evitare di investire poiche’ considera il mercato ancora troppo sopravvalutato.

“Continuiamo ad avere il solito problema – commenta l’analista di Prudential Securities, Larry Watchel – gli utili sono in flessione e le previsioni pure. Bisogna adesso capire per quanto ancora questi segnali peseranno sul mercato”.

A condizionare gli investitori, anche i dati contrastanti provenienti sul fronte della fiducia dei consumatori.

Secondo Anthony Crescenzi, capo analista della divisione Capital Markets presso la boutique finanziaria newyorkese Miller Tabak, l’entusiasmo seguito martedi’ alla diffusione del dato sulla fiducia dei consumatori del Conference Board, sarebbe stato oggi spazzato via dai dati odierni relativi all’ABCNEWS/Money Consumer Comfort Index, che ha raggiunto in marzo i livelli minimi dal giugno 1997.