WALL STREET: MODESTO RIMBALZO DOPO IL SELL-OFF

11 Febbraio 2009, di Redazione Wall Street Italia

La sessione di borsa a Wall Street procede in modesto rialzo. Gli operatori sono a caccia di qualche affare, in cerca di titoli con prezzi particolarmente depressi dopo il sell-off di ieri originato dalla delusione della presentazione del piano di salvataggio banche.

Resta una forte incertezza tra gli investitori sulle prossime mosse del governo per porre fine alla crisi del credito che da diversi mesi ormai sta piegando l’economia. Il Segretario al Tesoro Timothy Geithner non e’ riuscito a convincere gli operatori con un piano salva banche che appare incompleto, soprattutto in riferimento agli asset tossici che stanno deteriorando i bilanci delle banche.

Queste oggi sono impegnate in un recupero parziale delle perdite sostenute ieri, proprio mentre i boss dei principali istituti finanziari del Paese sono impegnati in un’audizione al Congresso sul modo in cui sono stati impiegati i fondi finora elargiti dal governo. Citigroup guadagna il 6.57%, BofA sale +8.27%, +6.00% per JP Morgan.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Tiepida la reazione degli investitori al rilascio del dato sulla bilancia commerciale, il cui deficit si e’ ristretto nell’ultimo mese, anche se in misura inferiore rispetto alle stime. Sono crollate invece le richieste di mutui ipotecari nell’ultima settimana. Piu’ tardi verra’ rilasciato il dato sul Budget del Tesoro.

Sul fornte societario, si nota una certa debolezza nel comparto hi-tech. Research In Motion, la societa’ meglio nota per la tecnologia BlackBerry, scivola del 16.60% dopo aver emesso un outlook deludente sui prossimi risultati trimestrali. Rimbalza la societa’ di semiconduttori Applied Materials nonostante la perdita fiscale ed il calo pronunciato delle vendite. Perdita anche per l’azienda di schede grafiche Nvidia, il cui titolo segna -13.00% circa.

Tra le societa’ che hanno battuto le attese si dintinguono invece: Genzyme, Marsh McLennan, Bob Evans e Reynolds American. Sugli scudi Sanofi Aventis grazie ai profitti migliori delle attese nell’ultimo trimestre.