Wall Street mista, DJ tocca max di oltre due anni

29 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Wall Street archivia la seduta con segni misti, divisa tra il disappunto per alcuni dati macro positivi e gli ottimi report sull’andamento delle vendite natalizie. Sul fronte macro i prezzi delle case rilevati dall’indice S&P Case Shiller sono scivolati ad ottobre per il quarto mese consecutivo risultando di molto al di sotto delle attese degli analisti, mentre la fiducia dei consumatori è peggiorata a dicembre deludendo il consensus. Decisamente un’altra musica i dati sull’andamento dello shopping natalizio, che secondo SpendingPulse di Mastercard hanno segnato nel periodo dal 5 novembre al 24 dicembre un incremento del 5,5% portandosi ai livelli boom di 5 anni fa. Positiva anche la lettura del report ICSC Goldman Sachs e quella del Redbook, che nella settimana al 25 dicembre ha rilevato un balzo del 4,6% annuo. Ancora scambi ridotti all’osso in vista dei festeggiamenti di fine anno, con volumi che sono stati poco più della metà di quelli mediamente rilevati a livello mensile. Il Dow Jones ha terminato con una variazione possitiva dello 0,18% a 11.575 punti toccando i massimi degli ultimi 18 mesi. Piatto l’S&P50 a 1.258 punti, mentre il Nasdaq ha limato lo 0,16% attestandosi a 2.662 punti.