WALL STREET: MERCATI CAUTI DOPO LO SPRINT INIZIALE

29 Novembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Dopo una partenza in netto rialzo, i listini americani hanno ritracciato e a circa mezz’ora dall’aperura si presentano contrastati. Il Dow Jones e’ piatto (-0.03%) a 10518, l’S&P500 cede lo 0.06% a 1181 e il Nasdaq guadagna lo 0.22% a 2106.

All’iniziale buonumore dei mercati ha contribuito l’ottimismo sulle vendite retail nel periodo natalizio, alimentato dal buon andamento registrato per il weekend del Giorno del Ringraziamento.

E’ in controtendenza, pero’ Wal-Mart. Il n.1 al mondo del settore retail ha tagliato le previsioni sulle vendite di novembre, affermando di aver registrato un rallentamento del traffico dei clienti verso la fine della settimana. Il titolo perde piu’ del 3% nelle prime battute di contrattazioni.

Notizie incoraggianti sono arrivate anche dal settore hi-tech. Alcune banche d’affari hanno espresso giudizi ottimistici su Intel e Apple. Positivi, inoltre, i commenti degli analisti su Google.

Un altro contributo positivo e’ arrivato dal recupero del dollaro nei confronti dell’euro. Il cambio tra le due valute in questo momento e’ a quota 1.3234, ben al di sotto del recente record storico di 1.3329. A sostegno del biglietto verde sono intervenute le dichiarazioni della Cina, che ha negato di alleggerire le riserve detenute in dollari.
Sul mercato petrolifero, Ali Al-Nuaimi, ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, ha annunciato che il suo Paese in alcuni anni alzera’ la capacita’ produttiva a 12.5 milioni di barili al giorno dagli attuali 11. Il future sul greggio con scadenza gennaio guadagna 11 centesimi a $49.55.
Passando al reddito fisso, sono in ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.31% contro il 4.25% della chiusura di venerdi’. L’oro, infine, guadagna $1.1 a $452.6 (future di febbraio).