WALL STREET LOTTA TRA L’INCERTEZZA E LA SPERANZA

7 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

E’ una lotta tra l’incertezza sull’andamento dell’economia statunitense, l’attesa per i dati di bilancio di domani di Cisco System e alcune buone notizie giunte dagli analisti, quella che caratterizza la giornata odierna a Wall Street.

Verificare indici in TEMPO REALE in prima pagina.

Sul primo fronte brucia ancora il dato di venerdi’ sul tasso di disoccupazione americana attestatosi sul 4,5%, un livello che non si vedeva da 30 mesi.

Gli investitori “non vogliono mancare la ripresa dell’economia americana, ma dopo i dati macroeconomici della settimana scorsa potrebbero pensare di aver corso troppo”, ha affermato James Gribbell di Babson Growth Fund.

“La realta’ che si sta prefigurando davanti agli investitori e’ che la situazione non e’ cosi’ chiara come si credeva e che la ripresa non sara’ cosi’ veloce”, ha aggiunto Doug Myers di Wachovia Securities.

Eppure, malgrado gli altola’, dopo circa un’ora dall’apertura delle contrattazioni, Wall Street da’ segno di volersi scrollare di dosso il torpore, e cerca di aggrapparsi ai buoni segnali dati da Tom Galvin di CS First Boston.

L’analista ha affermato in una nota ai clienti che la forza dell’ultimo rimbalzo e’ di gran lunga piu’ affidabile dei passati rally, evidenziando pertanto che il supporto per la ripresa dei mercati si e’ ora consolidato.

Positivo anche l’imput dato ai mercati da Don Young di UBS Warburg secondo cui Microsoft annuncera’ presto nuove licenze sui suoi software.

L’operazione, sostiene l’analista, mira a rivedere le condizioni e i termini d’uso relativi alle licenze sui prodotti di punta, eliminando le cosiddette licenze ‘perpetue’.

Se il settore dell’high tech e’ in affanno, positiva e’ invece la prestazione del comparto energetico dopo l’annuncio dell’acquisizione di Ultramar Diamond Shamrock Corp. (UDS – Nyse) da parte di Valero Energy Corp (VLO – Nyse).

Dall’operazione, del valore di $4 miliardi tra cash e azioni, piu’ $2 miliardi di debito, nascera’ la seconda raffineria degli Stati Uniti.