WALL STREET LIMA I GUADAGNI, DOW BALLA SUI 9.700

11 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Dopo un’avvio decisamente positivo sulla scia di alcune notizie confortanti sugli utili e sull’allentarsi delle tensioni tra India e Pakinstan, gli indici Usa limano i guadagni.

Il Dow Jones scende di nuovo sotto i 9700 punti conquistati in apertura trascinata dal calo di Merck (MRK – Nyse), che sebbene abbia confermato le stime sugli utili, cede negli scambi in quanto dovra’ fornire alla FDA dati addizionali per l’approvazione di un farmaco. Il soffre anche il ‘downgrade’ da Lehman Brothers che ne ha ridotto il ratinf da ‘strong buy’ a ‘buy’.

Cede terreno anche il Nasdaq, su cui comincia a pesare la nota negativa di Credit Suisse First Boston sui PC. La banca tagliato le stime sulla crescita globale di PC dal 5% allo 0% per il 2002 Deboli i titoli di Dell (DELL – Nasdaq) e Apple (AAPL – Nasdaq).

All’avvio degli scambi, il mercato aveva trovato particolare sollievo, sul fronte societario, nella conferma delle stime sugli utili arrivata da colossi come Nokia (NOK – Nyse), Merck (MRK – Nyse) e Nextel (NXTL – Nasdaq).

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

INFRASTRUTTURE PER TLC
In forte rialzo il titolo del colosso dei cellulari Nokia (NOK – Nyse) che sebbene abbia ridotto le stime sulle vendite, ha comunque confermato quelle sugli utili e ha dichiarato le le quote di mercato dovrebbero aumentare sequenzialmente del 5%. La banca d’affari Credit Suisse First Boston ritiene che per mantenere tale quote di mercato il gruppo abbassera’ i prezzi del 5%. In calo la rivale Ericsson (ERICY – Nasdaq). Ma Nokia afferma proprio il contrario .

WIRELESS (YLS) In forte crescita il settore che beneficia delle stime di Nokia e delle dichiarazioni confortanti di Nextel (NXTL – Nasdaq) che ha confermato le stime sul 2002 e che ha annunciato che potrebbe anche battere le stime se il trend positivo di questi mesi continuera’. Continua a volare anche il colosso dei palmari Palm (PALM – Nasdaq) che lunedi’, dopo la notizia del lancio di un nuovo sistema operativo, aveva messo a segno un rialzo dell’8,76%.

INDUSTRIA In ribasso il titolo della conglomerata Tyco (TYC – Nyse) dopo la notizia che la SEC ha riaperto un’indagine sulle pratiche contabili del gruppo. Intanto Fitch Investors Services ne ha tagliato il rating sul debito a ‘junk’ e ha ridotto il giudizio anche sulla divisione CIT Group. Il gruppo, dal canto suo, ha licenziato l’avvocato Mark Belnick in quanto tra le persone sotto investigazione dalla stessa societa’ per possibile “condotta impropria”.

FARMACEUTICI (DRG).
Sotto pressione il comparto che sconta il calo di diversi titoli. Male GlaxoSmithKline (GSK – Nyse), finita nel mirinodellInternal Revenue Service (IRS, l’ufficio tributario americano) per questioni fiscali. Sempre tra i farmaceutici, e’ in forte calo Abbott Laboratories (ABT – Nyse) ha tagliato le stime sui risultati per 2002. debole la blue chip Merck (MRK – Nyse) nonostante abbia dichiarato di essere fiduciosa sulla possibilita’ di centrare le stime sugli utili del secondo trimestre. L’FDA ha richiesto dati addizionali per valutare l’approvazione del farmaco Arcoxia. In seguito a tale notizia, la banca d’affari Lehman Brothers ne ha tagliato il rating da ‘strong buy’ a ‘buy’.

BIOTECH (BTK – Nyse).
Sotto pressione il comparto sulla scia di Genentech (DNA – Nyse) che secondo quanto deciso da una giuria di Los Angeles dovra’ pagare $300,1, milioni al centro di trattamento per il cancro City of Hope, come risultato di una disputa su alcune royalties non pagate.

INTERNET (DOT).
In crescita il settore sulla scia dei guadagni di Amazon.com (AMZN – Nasdaq) che per la banca d’affari Soundview non e’ un titolo sopravvalutato.

RETAIL (DJ-RTS). Performance positiva dopo che l’indice compilato dalle banche d’affari Bank of Tokyo-Mitsubishi e UBS Warburg relativo alle vendite al dettaglio della prima settimana di giugno ha messo a segno un incremento dell’1,6%.

ENERGIA (XNG).
Il settore e’ in leggero calo. In rosso Williams (WMB – Nyse) dopo che la banca d’affari Prudential ne ha tagliato il target sul prezzo della societa’ energetica da $22 a $15.

DA SEGNALARE

La banca d’affari Credit Suisse ha tagliato le stime sulla crescita globale di PC dal 5% allo 0% nel 2002. CSFB mantiene comunque le stime di una crescita dell’11% per l’anno prossimo.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dato il via libera a una causa Antitrust collettiva contro le societa’ emittenti di carte di credito Visa USA e MasterCard.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER. Abbonati subito!