Società

WALL STREET: LA SEDUTA DI BORSA PARTE IN SORDINA

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Avvio di seduta fiacco per i listini americani, che partono in sordina condizionati dalle prese di beneficio. Dow Jones, S&P500 e Nasdaq sono pressoche’ invariati, rispettivamente a 10385, 1175 e 1963.

Dopo il forte rally di mercoledi’, alimentato dalla decisione del finanziere Kirk Kerkorian di raddoppiare la sua partecipazione in General Motors, sui mercati oggi prevale la moderazione.

Gli operatori non si sbilanciano soprattuto in vista del rapporto sull’occupazione in calendario venerdi’. Le stime degli economisti per il mese di aprile sono per un aumento degli occupati di 170 mila unita’, contro le 110 mila registrate nel mese precedente.

Contrastati i dati macroeconomici di oggi. Nel primo trimestre 2005 la produttivita’ delle aziende americane e’ salita del 2.6% contro l’aumento dell’1.8% atteso dagli economisti. Peggiori delle stime i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione: la settimana scorsa sono salite di 11 mila unita’ a 333 mila (consensus 324 mila).

Un sussulto nella prima mattinata e’ arrivato dalla notizia di un’esplosione a New York. Due ordigni sono stati fatti esplodere dinnanzi al consolato britannico a Manhattan. Non ci sono state vittime o incidenti di rilievo. Solo alcuni vetri infranti. Dopo una reazione a caldo molto negativa, sui mercati si e’ presto ristabilita la calma.

Per quanto riguarda gli utili societari, oramai alla fine della stagione, MCI ha riportato una lieve perdita nel primo trimestre 2005. Ricordiamo che in settimana il board del gruppo telecom ha di nuovo accettato la proposta di acquisizione di Verizon per $8.5 miliardi preferendola a quella di Qwest.

Il gruppo retail Costco ha annunciato che ad aprile ha realizzato un aumento delle vendite comparate dell’8%. Buone le cifre di bilancio della catena di farmacie CVS. Sotto i riflettori IBM. Il colosso informatico ha annunciato che tagliera’ 13 mila posti di lavoro in Europa.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.20% contro il 4.18% della chiusura di mercoledi’%. L’oro guadagna $1.1 a $431.1 all’oncia, il petrolio guadagna 48 centesimi a $50.61 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2946 contro il dollaro.