WALL STREET: L’HIGH-TECH NON DA’ TREGUA AI MERCATI

23 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Dopo due ore dall’apertura delle borse USA, gli indici non riescono a risollevarsi dalle pessime notizie arrivate dal comparto tecnologico, chip e comunicazioni wireless, rimanendo pesantemente in territorio negativo.

La giornata di oggi continua all’insegna del pessimismo, dopo che nelle ultime cinque sedute il Nasdaq ha perso circa il 15%.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Secondo Arnim Holzer, equity strategist presso Zurich Scudder Investments, societa’ che gestisce investimenti per $360 miliardi, “le societa’ high-tech soffriranno molto piu’ a lungo di quanto ci si aspettava”.

Seduta particolarmente negativa oggi per il settore dei semiconduttori dopo il ‘profit warning’ diffuso questa mattina da Motorola.

Il Philadelphia Semiconductor Index uno degli indicatori piu’ autorevoli per osservare l’andamento del settore dei chip, cede oltre il 4%, portandosi cosi’ in ribasso di circa il 18% nelle ultime cinque sedute di borsa.

Oltre a Motorola, tra i titoli che segnano le maggiori perdite anche Intel Corp. che, non riuscendo a beneficiare dell’annuncio di alleanza strategica con Network Appliance, ha toccato in mattinata il minimo degli ultimi 12 mesi.

In forte perdita anche Texas Instruments, scesa al di sotto del minimo dei 12 mesi dopo aver annunciato giovedi’ la chiusura temporanea di 5 fabbriche di produzione chip.

Nel settore wireless, questa mattina Qualcomm, per bocca di Irwin Jacobs, fondatore e amministratore delegato del colosso wireless, ha annunciato un ritardo di due anni nel lancio dei suoi cellulari di terza generazione (UMTS) in Europa.

L’annuncio di Qualcomm getta una pesante ombra su tutto il settore wireless, dato che avviene in contemporanea con le dichiarazioni pessimistiche di Hans Geyer, vice-Presidente e general manager di Intel, il piu’ grande produttore mondiale di microprocessori e uno dei primi fornitori dell’industria wireless.

Geyer ha dichiarato al GSM World Congress, il piu’ grande Expo di telefonia mobile del mondo, in corso a Cannes, che l’intero settore wireless e’ a rischio di bancarotta, a causa dei fortissimi investimenti senza alcuna garanzia di ritorno nei cellulari di terza generazione.

Anche i settori piu’ tradizionali, come quello fotografico, non sono scampati alla pioggia di cattive notizie.

Questa mattina Polaroid, il colosso delle macchine e delle pellicole istantanee, ha annunciato che licenziera’ il 10% della sua forza lavoro, nel tentativo di tagliare i costi di $60 milioni all’anno.

Come spiega David Katz, analista di Matrix Asset Advisor, “la speranza e’ ora che dopo una mattinata di vendite, a un certo punto si arresti il trend e inizi un recupero”.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore oro, grande distribuzione, infratsrutture petrolifere, auto, edilizia, tessile, tabacco.

In calo invece il settore infrastrutture per telecomunicazioni, intrattenimento, bancario/brokeraggio.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore informatico:

Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) e’ in ribasso di quasi il 2%. Nella tarda serata di ieri, il colosso informatico ha fatto sapere di attendersi per il trimestre in corso un utile compreso tra 7 e 9 centesimi per azione, al di sotto dei 15 centesimi previsti dagli analisti di First Call/Thomson Financial.
(Vedi Informatica: Sun riduce stime crescita trimestre).

La banca d’affari Salomon Smith Barney ha ridotto questa mattina le stime sugli utili per 2001 e il 2002 di International Business Machines (IBM – Nyse). Il titolo IBM perde oltre il 5%.
(Vedi Informatica: Salomon rivede stime su IBM)

Nel settore delle telecomunicazioni:

Motorola (MOT – Nyse) sta perdendo quasi il 3%, dopo il ‘profit warning’ relativo al trimestre in corso. Secondo il management, a causa delle cattive condizioni dell’intero settore, la societa’ manchera’ l’obiettivo, indicato nel gennaio scorso, di un fatturato di $8,8 miliardi e di un utile per azione di 12 centesimi.
(Vedi Tlc: ‘profit warning’ di Motorola su 1º trimestre e Borsa: sotto pressione il settore dei Chip).

Qualcomm (QCOM – Nasdaq) perde oltre il 24%. Irwin Jacobs, fondatore e amministratore delegato del gigante wireless, ha annunciato oggi che il lancio dei telefoni cellulari di terza generazione (UMTS) in Europa sara’ ritardato di due anni.
(Vedi Borsa: Qualcomm -14% su problemi in Europa).

Nel settore delle infrastrutture per telecomunicazioni:

Lucent Technologies (LU – Nyse) e’ in rialzo di quasi l’ 1%. La societa’ ha fatto sapere di essersi assicurata una linea di credito di $6,5 miliardi.

Nel settore dei semiconduttori:

Intel (INTC – Nasdaq) e Network Appliance (NTAP – Nasdaq) hanno annunciato questa mattina di aver siglato un accordo settennale del valore totale di $1 miliardo. Il titoli Intel perde oltre l’ 1%, metre quello Network Appliance e’ in rialzo di quasi il 2,5%.
(Vedi Intel: Accordo da $1 mld con Network Appliance e Borsa: sotto pressione il settore dei Chip).

Texas Instruments (TXN – Nyse) ha annunciato giovedi’ che, nel corso del secondo trimestre dell’anno, chiudera’ temporaneamente cinque stabilimenti. La decisione rientra nel piano di riduzione dei costi che la societa’ ha intrapreso in seguito alla flessione che ha colpito le vendite di telefoni cellulari. Il titolo Texas Instruments perde oltre l’ 8%.
(Vedi Borsa: sotto pressione il settore dei Chip).

Nel settore delle apparecchiature medicali

Il titolo PhotoMedex (PHMD – Nyse) guadagna oltre il 33%, dopo l’annuncio che la compagnia di assciurazione sanitaria Cigna Healtcare inziera’ a rimborsare le spese per l’utilizzo dell’apparecchiatura laser per la cura della psoriasi prodotta da PhotoMedex.