WALL STREET: INIZIA BENE IL SECONDO TRIMESTRE

3 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

Si apre in rialzo la prima seduta del secondo trimestre, nonostante l’aumento dei rendimenti sui bond e l’avanzamento del greggio. Il Dow Jones e’ in progresso dello 0.61% a 11165, il Nasdaq avanza dello 0.31% a 2346. A stabilire il tono positivo sono le numerose operazioni di fusioni e acquisizioni societarie.

La societa’ telecom francese, Alcatel, ha avanzato un’offerta del valore di $13.4 miliardi per il rilevamento della rivale Lucent Technologies. General Motors ha annunciato un la cessione di una quota del braccio finanziario Gmac, ad un gruppo di investitori capeggiato da Cerberus Capital, per un corrispettivo di $7.4 miliardi. Constellation Brands, la piu’ grossa azienda di vini e bevande alcoliche del mondo, potrebbe concludere un affare per l’acquisto di Vincor International, societa’ canadese. L’operazione dovrebbe aggirarsi intorno a $1.23 miliardi canadesi.

Le operazioni di mergers & acquisitions solitamenterappresentano un segnale positivo per le borse, in quanto incrementano la fiducia dei dirigenti sulla valutazione delle societa’ e rendono piu’ attraenti gli investimenti sui relativi titoli.

Sul fronte economico sono attesi due dati, che verranno rilasciati entrambi alle 16:00 ora italiana: si tratta della spesa per le costruzioni di febbraio e dell’indice Ism manifatturiero di marzo. Le attese sono rispettivamente per una crescita dello 0.5% e per un valore di 57.7 punti.

Nel comparto energetico, il petrolio ha riconquistato la soglia dei $67. I contratti futures con scadenza maggio segnano un rialzo di 43 centesimi a $67.06.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, avanza l’oro. Al momento il futures con scadenza giugno e’ in rialzo di $5.60 a $592.30 all’oncia. Sul valutario, l’euro e’ in ribasso rispetto al dollaro a quota $1.2063. In calo, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.892%.