WALL STREET INGESSATA
ASPETTA LA FED

13 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Seduta con il fiato sospeso a Wall Street, nell’attesa del meeting del FOMC, l’organo di politica monetaria della Fed, che annuncera’ la decisione sui tassi di interesse alle 20:15 (le 14:15 ora di New York). Nel frattempo gli investitori temono che Alan Greenspan non interverra’ sul costo del denaro. Secondo molti una riduzione, data l’incertezza della fase congiunturale, sarebbe necessaria in questo momento. Ma i timori sembrano fondati. Un sondaggio del canale televisivo CNBC ha rivelato che l’80% delle persone intervistate ritiene che la Fed lascera’ i tassi al livello attuale, il 14% scommette su un taglio di 25 punti base e solo il 6% ritiene che la riduzione potrebbe essere di 50 punti base.

Intanto sui mercati Usa continua a permanere l’incertezza.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Da segnalare che a provocare il balzo della scorsa settimana dei mercati americani e’ sono state proprio le speranze di un taglio del costo del denaro da parte di Alan Greenspan, tanto da portare l’indice S&P 500 a crescere del 5,1%. Nel frattempo, piu’ osservatori di mercato si sono pronunciati su quanto potrebbe accadere tra poche ore. Morgan Stanley sembra essere l’unica a ritenere che la Banca centrale americana ridurra’ i tassi di 50 punti base.

Il dato superiore alle stime relativo alle vendite al dettaglio di luglio non e’ riuscito a fungere da elemento di traino. Da precisare che l’incremento e’ stato provocato soprattutto dalle forti vendite di auto, senza le quali l’indicatore avrebbe segnato un rialzo dello 0,2% contro lo 0,3% stimato. A deprimere i mercati e’ anche la dichiarazione di Goldman Sachs che ha sottolineato come bisognera’ aspettare ancora un po’ prima di assistere alla ripresa dell’Information Technology. Gli stessi gestori di Merrill Lynch sono pessimisti sulla ripresa .

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER.