WALL STREET: INDICI USA IN ACCELERAZIONE

14 Marzo 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in lettera, ma poco dopo i maggiori indici hanno invertito tendenza. Il dato sulle vendite al dettaglio e’ risultato la di sotto delle attese. Procter & Gamble (PG) ha fatto commenti positivi per il prossimo trimestre ed ha alzato i dividendi dell’11%. Goldman Sachs (GS) ha invece pubblicato risultati trimestrali al di sopra delle stime.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 36 punti a 11112 il Nasdaq e’ in denaro di 13 punti a 2280 e l’S&P500 sta guadagnando 6 punti a 1290.
Positive le performances dei settori prodotti per la costruzione, banche e immobiliare.

L’indice VIX si trova al livello di 11.36. L’indice “advance/decline” sta facendo segnare una lettura di +800. I volumi sul NYSE sono di 572 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, tra le nostre posizioni HON, FILE e ATYT stanno guadagnando circa l’1%. In ribasso invece ZL –0.4% e SSTI –1.8%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sui prezzi import-export, sull’indice dello Stato di New York, sulle scorte di greggio e sul “Beige Book” della Fed.

POSIZIONI RIALZISTE:

HON (APERTA IL 21/12 A $38.00; ATTUALE $42.14; PERF. +10.89%)

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; ATTUALE $4.25; PERF. –17.64%)

ZL (APERTA IL 29/12 A $2.02; ATTUALE $2.42; PERF. +19.80%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; ATTUALE $26.13; PERF –-4.46%)

ATYT (APERTA IL 7/3 A $15.20; ATTUALE $14.44; PERF –5.0%)

BORSA: NEW YORK; BOND IN RITIRATA SOSTENGONO LISTINO/ANSA

Il mercato azionario statunitense procede oggi all’ insegna di un sia pur moderato rialzo, sostenuto dalla flessione dei rendimenti dei bond, cioé del reddito fisso, la cui corsa a perdifiato negli ultimi tempi aveva penalizzato non poco l’ investimento in Borsa. Ad alimentare la discesa dei rendimenti sulle obbligazioni ci ha pensato il dato relativo al calo delle vendite al dettaglio a febbraio, -1,3% e superiore alle attese, che ha prospettato un possibile ‘stop’ alla manovra di rialzo dei tassi d’ interesse portata avanti ininterrottamente dalla banca centrale statunitense dal giugno del 2004.

Gli investitori sono così tornati a posizionarsi sui titoli azionari, favoriti fra l’ altro dall’ ottimo andamento dei finanziari, a sua volta trainato dalla trimestrale da record di Goldman Sachs.

Per il resto, il mercato ha invece di fatto ignorato l’ altro dato macroeconomico in calendario oggi, cioé il maxideficit dei conti con l’ estero, salito a nuovi record sia nell’ ultimo trimestre dello scorso anno che nell’ intero 2005. Una statistica che in questo secondo caso potrebbe invece ‘remare’ a favore di ulteriori rialzi del costo del denaro, allo scopo di attrarre in misura ancora maggiore capitali dall’ estero e sostenere quindi i corsi del dollaro.

La seduta è caratterizzata appunto dai progressi messi a segno dai finanziari, con Goldman Sachs che guadagna il 4,4% a 146,89 dollari dopo aver comunicato che nel primo trimestre ha conseguito un utile-record di 2,48 miliardi di dollari, nettamente oltre le previsioni degli analisti. Oltre a questo la banca ha annunciato che aumenterà in misura significativa il dividendo, che passa a 35 cents per azione dai precedenti 25 cents. L’ ascesa del titolo si riflette sull’ andamento dell’ intero comparto, che sale dello 0,7%, mentre in particolare Lehman Brothers, che diffonderà la trimestrale domani, è in rialzo di 2,75 dollari, a 144,97.

Fra i titoli di maggiore richiamo compresi nel Dow Jones è in sofferenza invece Procter & Gamble, -2,2% a 60,62 dollari, dopo che la multinazionale che opera nella produzione di generi di vasto consumo ha preannunciato un utile di 59/61 cents per azione nel terzo trimestre fiscale, peraltro sostanzialmente in linea con le stime degli analisti di Thomson Financial, pari a 61 cents.

Ci sono poi alcuni titoli che beneficiano specificatamente delle valutazioni espresse dagli analisti. E’ il caso del leader mondiale della birra, Anheuser-Busch, sul conto del quale Deutsche Bank ha elevato il rating a ‘buy’, cioé comprare, e che avanza di 92 cents, a 43,54 dollari. U.S. Steel, numero 1 nell’ acciaio, sale inoltre di 1,6 dollari, a 57,04 dollari, in quanto un analista in questo caso di Merrill Lynch ha alzato la valutazione sul titolo sempre a ‘buy’ dalla precedente ‘neutral’. Phelps Dodge, uno dei maggiori produttori mondiali di rame, é in progresso di 1,71 dollari, a 69,15 dollari, come conseguenza del fatto che gli analisti di Goldman Sachs hanno deciso di raccomandare il titolo con il giudizio di ‘outperform’, cioé meglio del mercato. Infine D.R. Horton, il maggiore costruttore statunitense, guadagna ben il 6,2% a 33,5 dollari perché un analista del Credit Suisse ha migliorato la valutazione sul suo conto ancora al livello di ‘outperform’.

Fra i titoli minori, di rilievo la crescita di Chipotle Mexican Grill, catena di ristorazione che avanza di 4,24 dollari, a 47,65 dollari, dopo aver registrato un utile trimestrale di 16 cents per azione e vendite in crescita del 36%. Il titolo è approdato sul listino nel gennaio scorso.

Attorno alle 18.40 ora italiana l’ indice Dow Jones segna +0,29% a 11.107,88 punti, il Nasdaq composite +0,55% a 2.279,58 e lo S&P 500 +0,44% a 1.289,77.