WALL STREET: INDICI IN RIBASSO, SEDUTA FIACCA

13 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Dopo aver cercato di frenare i ribassi, il Dow Jones si colloca decisamente in territorio negativo. I chip non aiutano il Nasdaq.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Il settore semiconduttori e’ in rialzo dopo che Goldman Sachs ha aumentato il rating su una serie di titoli, tra cui Intel (INTC – Nasdaq), Analog Devices (ADI – Nyse), Maxim Integrated (MXIM – Nasdaq) e Broadcom (BRCM – Nasdaq).

Gli analisti della banca d’affari hanno cosi’ inserito questi produttori di chip all’interno della propria “Recommended List”, la lista dei titoli migliori da consigliare alla clientela.

Goldman ha poi attribuito un rating “Overweight” (sovrappesare) su tutto il settore sostenendo che i fondamentali dovrebbero rafforzarsi nel quarto trimestre e che una ripresa dovrebbe essere dietro l’angolo.
VEDI:


CHIP: GOLDMAN POSITIVA SUL SETTORE

Battuta d’arresto invece per i titoli del comparto software dopo che ABN Amro ha ridotto il giudizio su alcune delle societa’ sostenendo che le spese rimangono molto deboli e che ulteriori segnali di fragilita’ sembrano provenire da Asia ed Europa.

Gli analisti della banca d’affari hanno tagliato il rating su Veritas Software (VRTS – Nasdaq) ed ePiphany (EPNY – Nasdaq) da “Add” a “Hold”, mentre di BEA Systems (BEAS – Nasdaq) da “Buy” a “Add”.
VEDI:


SOFTWARE: COMMENTI NEGATIVI DI ABN AMRO

Il titolo Oracle (ORCL – Nasdaq) e’ questa mattina sotto pressione dopo che Jeff Henley, responsabile finanziario del colosso USA, ha fornito prospettive poco rosee per il trimestre in corso.

Intervistato dalla rete televisiva Bloomberg, Henley ha fatto sapere infatti che il fatturato derivante dalle licenze sui software segnera’ per il terzo trimestre dell’anno un declino simile a quello osservato nel secondo trimestre, ossia un calo del 10% sull’anno.

Secondo Henley la societa’ riuscira’ tuttavia a raggiungere le stime sugli utili, ma manchera’ quelle sulle vendite. La softwarehouse si attende quindi utili di 8 centesimi per azione – ‘breakeven’, o in pari, per l’intero anno 2001 – ma non riuscira’ a raggiungere i $2,26 milioni in fatturato precedentemente annunciati.

“Continuiamo a credere che le cose non stiano peggiorando – ha detto Henley – ma non stanno neanche migliorando”.

Merrill Lynch ha ridotto le proprie stime sugli utili trimestrali per il colosso informatico Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) a causa di alcuni ritardi negli ordini negli Stati Uniti e in Europa.

La banca d’affari prevede ora che la societa’ chiuda il terzo trimestre con un utile per azione di $0,01. Precedentemente era atteso un utile per azione di $0,04.

Merrill Lynch ha poi fatto sapere di mantenersi cauta sul titolo EMC (EMC – Nyse), la societa’ leader al mondo nel settore dell’archiviazione dati, sostenendo che i fondamentali possano passare sotto pressione.

Il colosso media News Corp. (NWS – Nyse) ha tagliato le stime sul reddito operativo (EBIT) nel quarto trimestre del 2001 a $179 milioni dai $241 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

Tra le cause del rallentamento i bassi introiti pubblicitari e i costi di marketing per promuovere l’uscita dei nuovi film.

Gli analisti avevano del resto gia’ tagliato le stime per l’intero anno a $1,65/1,7 miliardi.