WALL STREET: INDICI FIACCHI AL GIRO DI BOA

30 Maggio 2002, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta, dopo un fallito tentativo di risalire la china, i mercati Usa proseguono in leggero ribasso, depressi dall’intensificarsi delle tensioni fra India e Pakistan, e da alcune sconfortanti notizie provenienti dal fronte societario.

Il presidente Bush ha deciso di inviare il segretario della difesa, Donald Rumsfeld, in India e Pakistan per tentare di appianare i conflitti tra i due Paesi.

Inoltre, nel giorno della chiusura dei lavori di ripulitura di Ground Zero, circolano rumor che Osama bin Laden sarebbe in Pakistan.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

A livello settoriale:

– In deciso ribasso i petroliferi (XOI), sull’onda del calo petrolio. Da segnalare in particolare la brutta performance di Exxon Mobil (XOM – Nyse) sulla scia dei timori di un calo della domanda del greggio all’inizio della stagione estiva dei viaggi. Salomon Smith Barney ha tagliato il giudizio su un folto numero di ‘mercanti’ di energia, citando il continuo esame minuzioso dei rating sul debito da parte delle agenzie, i crescenti rischi legali dovuti alle indagini delle autorita’, e le preoccupazioni per le continue sfide che mettono in discussione i loro modelli finanziari.

– I titoli software (GSO) recuperano dai minimi della mattinata seguiti alla notizia che la Securities and Exchange Commission (SEC, la Consob americana) sta indagando su possibili irregolarita’ contabili da parte del numero uno del settore, Microsoft (MSFT – Nasdaq). Tra le altre notizie, la banca d’affari SoundView Tech ha comunque emesso una nota positiva su Peoplesoft (PSFT – Nasdaq) e Oracle (ORCL – Nasdaq). Notizie positive anche sui titoli dell’archiviazione dati. Secondo la banca d’affari Pacific Crest i feed back (channel checks) sulle attivita’ del comparto suggeriscono che a maggio la domanda e’ aumentata per Brocade (BRCD – Nasdaq), Emulex (EMLX – Nasdaq) e QLogic (QLGC – Nasdaq).

– Sotto pressione le telecomunicazioni (XTC) e il wireless (YLS). L’operatore telefonico a lunga distanza Worldcom (WCOM – Nasdaq) avrebbe deciso di vendere la divisione wireless. La banca d’affari Bear Stearns ha tagliato il rating sul titolo della societa’ di infrastrutture per tlc Nortel Networks (NT – Nyse) da “attractive” a “neutral”. Il colosso telefonico AT&T (T – Nyse) sarebbe intenzionato ad acquistare la divisione di fibre ottiche europea di KPNQwest. L’agenzia di rating Moody’s ha tagliato il rating sul debito di Qwest (Q – Nyse).

– In luce il settore retail (DJ_RTS). Il colosso del retail a prezzi scontati Costco Wholesale (COST – Nasdaq) ha registrato nel terzo trimestre fiscale utili per azione in crescita del 22% rispetto a un anno fa, battendo le stime degli analisti.

– Debole il settore aereo (XAL) dopo che la banca d’affari Credit Suisse First Boston ha emesso una nota negativa sul comparto.

– Lieve recupero dei farmaceutici e biotech (BTK). Da segnalare in particolare la brutta performance di Bristol-Myers Squibb (BMY – Nyse), che soffre per la crescente concorrenza degli equivalenti generici dei propri farmaci. La banca d’affari J.P. Morgan ha espresso cautela sulla societa’ biotech Genentech (DNA – Nyse).

Da segnalare inoltre:

– La South African Breweries, uno dei maggiori produttori di birra della Repubblica Sudafricana, ha finalizzato l’accordo per acquistare Miller Brewing, divisione della statunitense Philip Morris (MO – Nyse), per $5,6 miliardi. Nasce cosi’ il numero due al mondo del settore.

– La conglomerata Tyco (TYC – Nyse) ha smentito le voci di dimissioni dell’amministratore delegato.

Sul mercato valutario:

Il dollaro Usa continua a cedere terreno, arrivando a toccare il livello piu’ basso degli ultimi 15 mesi contro l’euro, scambiato a 93,69 centesimi di dollaro, e il minimo degli ultimi sei mesi contro lo yen, a quota 123,39. Secondo il capo economista di Goldman Sachs, Bill Dudley, “il calo del biglietto verde pone un grosso rischio per una una ripresa dell’economia in condizioni non inflazionistiche”.

Sul fronte macroeconomico:

Ignorato il dato positivo sui sussidi di disoccupazione settimanali. Le nuove richieste relative alla settimana che si e’ conclusa il 25 maggio sono diminuite di 12.000 unita’, a quota 410.000, il livello piu’ basso delle ultime 10 settimane. Altre statistiche indicano pero’ che il mercato del lavoro rimane debole.

Per avere tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la sessione odierna clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER. Abbonati subito!