WALL STREET: INDICI
AVANTI, MA CON CAUTELA

4 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

A circa due ore dalla chiusura delle contrattazioni, i mercati USA proseguono in leggero rialzo.

A sostenere gli indici sono soprattutto il dato sulla spesa per le costruzioni di luglio, rivelatosi migliore delle attese, e gli ottimi risultati sulle vendite di auto nel mese di agosto.

Ma gli acquisti sono frenati dalle preoccupazioni per la ripresa dei profitti delle aziende, dopo l’allarme sulle vendite di National Semi (NSM – Nyse) e le revisioni al ribasso delle banche d’affari sugli utili della conglomerata General Electric (GE – Nyse) e del gigante dei semiconduttori Intel (INTC – Nasdaq). E proprio a proposito di Intel, gli investitori attendono con trepidazione il consueto aggiornamento di meta’ trimestre, in calendario domani dopo la chiusura dei mercati. Il titolo ha toccato il livello piu’ basso dal dicembre 1996. L’indice di riferimento del comparto chip, il Philadelphia Semiconductor Index (SOX), e’ sceso ai minimi dal novembre 1998. Sempre sul fronte societario, contribuisce a deprimere gli investitori la nota negativa di Salomon Smith Barney sul settore software (GSO).

Ma le tensioni arrivano anche dal fronte geopolitico, con un conflitto USA-Iraq che appare sempre piu’ vicino.

Per avere tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER