WALL STREET: INDICI AD ALTA QUOTA

24 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street brilla della luce riflessa di Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) che ha portato una ventata di buonumore tra gli investitori.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Il colosso americano di infrastrutture per le tlc giovedi’ sera ha infatti dichiarato che le condizioni del mercato si stanno stabilizzando.
VEDI:


TLC: PRIME REAZIONI A RISTRUTTURAZIONE CISCO

TLC: CISCO SALE DOPO RISTRUTTURAZIONE

”E’ ovvio che le affermazioni di Cisco hanno peso, e’ la terza societa’ quotata al Nasdaq per valore di mercato”, ha dichiarato Barry Hyman, investment strategist di Ehrenkrantz King Nussbaum.

Non la pensa allo stesso modo Richard Dickson, technical strategist presso Hilliard Lyons, secondo il quale “solo perche’ uno che dorme si rigira nel letto non significa che sia sul punto di alzarsi e ballare un tango. Questa e’ la situazione del mercato oggi”.

Muove i listini Lucent Technologies (LU – Nyse), societa’ di infrastrutture per la telecomunicazione che prevede di tornare a registrare guadagni entro il 2002 e di accelerare la crescita del fatturato l’anno seguente.
VEDI:


UTILI: LUCENT PREVEDE IL PAREGGIO ENTRO IL 2002

Il Dow Jones e’ trainato anche da Microsoft (MSFT – Nasdaq), che ha annunciato di aver consegnato la versione definitiva del sistema operativo di prossima generazione Windows XP ai produttori di PC.

Williams-Sonoma (WSM – Nyse), la catena di negozi per l’arredamento, e’ in forte rialzo dopo aver riportato per il secondo trimestre dell’anno un utile netto di $1,4 milioni, o 2 centesimi per azione.

Sul fronte macroeconomico, la vendita di case nuove negli Stati Uniti ha registrato un rialzo del 4,9% nel mese di luglio, portandosi a quota 950.000 unita’.
VEDI:


USA: VENDITA NUOVE CASE +4,9% IN LUGLIO

Hyman, investment strategist di Ehrenkrantz King Nussbaum ha dichiarato che il dato sulla vendita di case nuove ha mostrato che i consumatori spendono ancora, precisando che una ripresa nella seconda meta’ e’ ancora possibile”.

Positivo anche il dato relativo agli ordini dei beni durevoli negli Stati Uniti scesi in luglio dello 0,6%.

Un sondaggio condotto dalla rete televisiva CNBC insieme all’agenzia di stampa Dow Jones rivela che gli economisti a Wall Street si attendevano un calo dell’1%.

In giugno il dato aveva registrato un calo rivisto al 2,6%.
VEDI:


USA: ORDINI BENI DUREVOLI -0,6% IN LUGLIO