WALL STREET INDEBOLITA DA UN’ATTESA SNERVANTE

12 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

A meno di due ore dal termine degli scambi sulla piazza di New York, le Blue Chip dimezzano i guadagni di giornata mentre il tabellone elettronico del Nasdaq spinge la cessione oltre il 2%. La Corte suprema a Washington ancora tace.

(verifica quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Le vendite nel comparto high-tech sono spiegate dagli operatori con i ‘profit warning’ emessi in mattinata da alcune primarie societa’ del settore e dalle inevitabili prese di profitto, dopo i forti rialzi delle ultime due sedute.

“La seduta e’ mista, divisa tra il rinnovato interesse per i grandi titoli industriali e la voglia di fare cassa di molti investitori – spiega Peter Cardillo, direttore delle ricerche di Westfalia Investment – In questo momento comunque pesa piu’ l’incertezza politica che la Corte suprema deve sciogliere piuttosto che l’ipotesi di un altro crollo dei tecnologici”.

L’opinione a Wall Street e’ che oggi manchino le condizioni per spingere in rally gli indicatori. In assenza di dati economici che possano risvegliare l’entusiasmo dei mercati, gli operatori forse speravano che i giudici mettessero la parola fine alla saga elettorale.

L’attesa continua e nessuno sa se squillera’ prima la campanella che segna la fine degli scambi al New York Stock Exchange o quella che precede la comparsa di un portavoce davanti alla Corte suprema di Washington.

Sui listini in generale, mostrano tendenza al rialzo il settore farmaceutico, petrolifero e trivellazione, negozi alimentari, ristorazione, fotografico, commercio, aereospaziale, servizi per le telecomunicazioni, cartario, auto.

Segno meno per semiconduttori, biotech, attrezzature per le telecomunicazioni, brokeraggio, bancario, oro, giocattoli, assicurativo.