Wall Street in timido rialzo attende Fomc di domani

9 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si muove in frazionale rialzo una Wall Street svogliata e già proiettata alla riunione del Fomc di domani. Le attese sono per la conferma di una politica monetaria accomodante ancora per un lungo periodo alla luce soprattutto dei molti dati macroeconomici deludenti che hanno evidenziato una ripresa dell’economia alquanto zoppicante. Secondo voci di stampa sempre più numerose, inoltre, la Federal Reserve potrebbe intervenire materialmente a sostegno dell’economia. Tra le mosse “papabili” l’acquisto di mutui o titoli governativi per abbattere i tassi a lungo termine. In una giornata avara di statistiche macroeconomiche l’attenzione si è focalizzata soprattutto sul fronte societario. Occhi puntati su HP dopo le dimissioni del CEO che prese la guida del gigante dopo la partenza di Carly Fiorina aiutandolo in momenti difficoltosi. Il manager è stato accusato di molestie sessuali e di aver usato denaro della società per coprire una relazione privata. In partenza anche un top manager della Apple che cerca di mettere la parola fine ai guai legati a problemi di ricezione dell’iPhone4. Intanto Goldman Sachs ha rivisto al ribasso le stime annuali sull’S&P500 e quelle sull’eps medio dei suooi componenti per il 2011 a causa delle modeste prospettive sull’economia futura. Contestualmente ha migliorato le prospettive sugli utili per azione medi dell’anno in corso, grazie alle buone trimestrali viste finora. Cattive notizie anche dal gigante dei mutui Freddie Mac, che ha chiuso il trimestre in rosso annunciando di aver bisogno di ulteriori aiuti governativi. Il Dow Jones viaggia con un guadagno dello 0,45%, l’S&P500 dello 0,31%, il Nasdaq dello 0,25%.