WALL STREET IN RIPRESA
NEL PRIMO POMERIGGIO

9 Settembre 2002, di Redazione Wall Street Italia

Dopo aver passato la gran parte della mattinata in ribasso, nel primo pomeriggio i mercati Usa invertono a sorpresa la rotta e si portano in deciso rialzo. Il clima rimane comunque nervoso sulla scia di numerose brutte notizie societarie e sulle preoccupazioni per un imminente conflitto USA- Iraq. Continuano ad essere bassi i volumi.

Tra i settori che hanno aiutato gli indici a recuperare terreno:
► il biotech (BTK – Nyse): in rialzo sulla scia di Genentech (DNA – Nyse) (il gruppo ) ha vinto una causa su un brevetto che avrebbe potuto costare una multa molto cospicua.

► le infrastrutture per tlc, networking (NWX): in crescita dopo che la banca d’affari Goldman Sachs ha dichiarato che le spese in infrastrutture per le reti stanno crescendo sul mercato asiatico. Molto bene negli scambi Lucent (LU – Nyse) e Nortel (NT – Nyse).

► il wireless (YLS): in recupero sulla scia del commento positivo di Morgan Stanley su Motorola (MOT – Nyse) e sulla conferma degli obiettivi da parte di Nextel (NXTL – Nasdaq).

► la difesa (BTK – Nyse). Le aspettative di un imminente conflitto Usa-Iraq portano in forte rialzo il comparto.

Sul Dow Jones si distinguono in particolare i rialzi di Disney (DIS – Nyse). Non sembrano esserci notizie specifiche che trainano il titolo. segnaliamo comunque che Credit Suisse First Boston ha emesso una nota agli investitori questa mattina sottolineando una grande fiducia nei prossimi trend di spesa nella pubblicita’ sui network.

Numerose, come si diceva, le notizie societarie che nelle prime battute avevano sconfortato e indotto gli investitori alle vendite e che lasciano un clima di nervosismo e debolezza sui mercati. Tra queste, sono da da segnalare in particolare:

► i ‘downgrade’ dei colossi finanziari JP Morgan (JPM – Nyse) e American Express (AXP – Nyse).

► la revisione al ribasso, da parte del colosso media e Internet AOL Time Warner (AOL – Nyse) delle prospettive della divisione AOL, a causa della debolezza degli introiti pubblicitari.

► la riduzione delle previsioni sulla crescita globale di PC per il 2002/2003 da parte della societa’ di ricerca International Data Corp.

► la sforbiciata di
Lehman Brothers sulle stime relative agli utili 2002 e 2003 delle società incluse nell’indice S&P 500.

► una sfilza di downgrade che hanno colpito colossi come la societa’ di software Siebel Systems (SEBL – Nasdaq), il portale Internet Yahoo! (YHOO – Nyse), il semiconduttore Advanced Micro Devices (AMD – Nyse) e alcuni chip europei come Stmicroelectronics N V (STM – Nyse).

Tuttavia, molti di quei settori colpiti dalle note negative hanno recuperato terreno:
tra questi, Internet (GIN), software (GSO) e finanziari (DJ_FIN). Ancora deboli chip (SOX) e hardware (GHA).

Sul fronte macro, e’ stato comunicato alle 16.00 (le 10.00 ora di New York) il dato sulle scorte di magazzino all’ingrosso per il mese di luglio , salito dello 0,6%, il rialzo mensile piu’ forte dal novembre 2000. L’indicatore, secondo gli esperti e’ scarsamente utile per identificare qualsiasi tipo di trend nei consumi personali e per questo motivo poco seguito dai mercati.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER.