WALL STREET IN RALLY, IL NASDAQ SALE +2%

29 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street in forte rally a meta’ giornata (controlla la performance in tempo reale) spinta da alcune buone trimestrali societarie, dal calo del greggio e soprattutto dall’aumento inaspettato della fiducia dei consumatori. Al giro di boa il Nasdaq segna un rialzo superiore ai 2 punti percentuali.



A riportare il buonumore sui mercati e’ stato il rimbalzo della fiducia dei consumatori, a maggio salita spiazzando gli economisti che avevano previsto una contrazione a 50 punti. Supporto anche da alcune trimestrali societarie rivelatesi migliori delle attese. Colgate-Palmolive (CL), le due societa’ energetiche Valero Energy (VL) e BP (BP), U.S. Stell (X) hanno tutte battuto le attese.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

A convincere gli operatori a rientrare sull’azionario e’ anche il forte calo del greggio, allontanatosi dai recenti massimi a causa del rafforzamento del dollaro nei confronti delle principali valute (in area 1.56 contro euro). I futures con consegna settembre segnano ora un ribasso di $1.01 a $123.72 al barile, dopo essersi spinti ad un bottom giornaliero di $120.42.

Tra le altre news societarie, in evidenza SAP, la societa’ tedesca di software, acerrima rivale di Oracle (ORCL), che ha riportato vendite migliori delle attese ed emesso un outlook incoraggiante per i prossimi mesi. BP (BP) ha dato il via alla stagione degli utili dei colossi petroliferi riportando un amumento del 28% dei profitti nel secondo trimestre. Alcatel-Lucent (ALA) e’ in rialzo dopo le dimissioni del presidente e del CEO del gruppo maturate in seguito alla sesta perdita trimestrale consecutiva. Il gigante giapponese dell’hi-tech Sony (SNE) ha emesso un profit warning sui prossimi risultati dopo aver registrato un calo del 47% dei profitti nell’ultimo trimestre.

A polarizzare l’attenzione degli operatori e’ anche il colosso bancario Merrill Lynch (MER) in seguito all’annuncio a sorpresa relativo alla vendita di alcuni suoi asset per un totale di $30 miliardi e all’emissione di nuove azioni per un valore di $8.5 miliardi. Il titolo, finito nel ciclone della crisi del credito, negli ultimi 12 mesi ha lasciato sul campo il 67%; al momento segna una perdita di poco inferiore al punto percentuale

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: : Steel +9.2%, Photo Products +5.9%, Real Estate Management & Development +5.7%, Publishing & Printing +5.4%, and Homebuilding +5.1%. Tra i piu’ forti ribassi: Gas Utilities -4.0%, Oil & Gas Exploration -3.7%, Coal & Consumable Fuels -3.0%, Gold -2.9%, e Oil & Gas Drilling -2.4%.

Alle 12.20 EDT il volume di scambio e’ di 479 milioni di pezzi al NYSE e 975 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 2241 a 786 al Nyse e 1974 a 743 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 7 a 20 al NYSE e 13 a 31 al Nasdaq.

parla di questo articolo nel Forum di WSI