WALL STREET IN POSITIVO, DOW + 0,60%

18 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street presenta indici positivi a margine delle brillanti perfomance di United Technologies (UTX – Nyse) e Home Depot (DD – Nyse).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Il presidente e direttore operativo di United Technologies, Karl Krapek, ha espresso la propria fiducia in merito a una crescita del 15% negli utili del secondo trimestre.

Krapek ha affermato di prevedere “che la crescita nel fatturato e nell’utile operativo delle societa’ aerospaziali e di Otis Elevator aiuteranno il gruppo a superare una certa debolezza e un forte dollaro contro l’euro”.

United Technologies, che produce elicotteri militari, ascensori e condizionatori d’aria, e’ una delle 30 blue chip del Dow Jones.

Home Depot beneficia invece di un upgrade che Merrill Lynch ha espresso su Talbots (TLB – Nyse), catena di negozi d’abbigliamento.

Bene anche Honeywell (HON – Nyse) dopo che General Electric (GE – Nyse) ha reso noto di non arretrare dalla sua ultima offerta di $42 miliardi.

Sul fronte tecnologico, Level 3 (LVMT -Nyse), compagnia rappresentativa del settore telefonico, ha tagliato le sue aspettative di fatturato per quest’anno e il prossimo.

La societa’ ha anche annunciato una riduzione del personale di 1.400 unita’.

International Business Machine (IBM – Nyse) ha invece ricevuto un commento negativo di Laura Congiliaro di Goldman Sachs sui risultati relativi al secondo trimestre dell’anno.

La banca d’affari ha tagliato le stime di crescita dei ricavi dal 3,5 al 3%.

Brutte notizie anche per Microsoft Corp (MSFT – Nyse) che ha ricevuto una nota negativa da Salomon Smith Barney, anche se Merrill Lynch ha mantenuto le sue stime inveariate.

Craig Barrett, amministratore delegato di Intel Corp. (INTC – Nasdaq) ha detto inoltre questa mattina che la decelerazione del mercato dei personal computer ha convinto la societa’ a indietreggiare nei suoi piani di espansione e cancellare la costruzione di un impianto in Israele.

Non particolamente forte l’incidenza delle stime positive sul settore dei semiconduttori espresse questa mattina da Salomon Smith Barney per la seconda parte dell’anno.

L’attenzione degli investitori e’ tuttavia incenstrata a chiusura dei mercati quando Oracle (ORCL – Nasdaq) diffondera’ i dati relativi alla prima trimesrale.