WALL STREET: IL PETROLIO DA’ UNA SPINTA AI LISTINI

18 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Chiusura positiva per i listini azionari americani che hanno beneficiato del ribasso del prezzo del petrolio. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0.23% a 9956 e l’S&P 500 lo 0.53% a 1114. Piu’ brillante ancora il Nasdaq, che ha messo a segno un +1.31% a 1936.

In mancanza di catalizzatori in gradO di scuotere i mercati, e’ stato ancora una volta il petrolio a monopolizzare l’attenzione degli operatori. Il prezzo del greggio nel corso della mattinata a New York si e’ spinto al nuovo massimo storico di $55.33 al barile per poi ripiegare. Il future con scadenza novembre ha chiuso in netto ribasso, cedendo $1.26 a $53.67. A favorire il ribasso delle quotazioni quest’oggi sono stati il livello della produzione dell’Opec superiore ai 30 milioni di barili al giorno e le preoccupazioni per le ripercussioni dei prezzi cosi’ alti sull’economia.

L’aumento dei prezzi energetici continua comunque a destare preoccupazioni perche’ ha un impatto negativo sui consumi delle famiglie e sugli investimenti delle imprese, e mette in serio pericolo il cammino della ripresa. E ormai alle porte, inoltre, la stagione invernale e i trader temono che l’offerta non riuscira’ a far fronte alla domanda di riscaldamento.

Sul fronte degli utili, hanno riportato risultati peggiori delle attese 3M Company e Delphi Auto. Questa sera, dopo la chiusura delle borse, pubblicheranno i risultati trimestrali i colossi hi-tech IBM e Texas Instruments.

Tra le blue chip del Dow hanno registrato rialzi superiori all’1% AIG, General Electric, IBM, Johnson&Johnson, Microsoft, Merck&Co e Pfizer. Hanno chiuso in netta flessione 3M, Boeing e United Tech. Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Oggi non sono attesi dai macroeconomici.

Sugli altri mercati, il dollaro e’ ai minimi di sette mesi nei confonti dell’euro. Nel tardo pomeriggio a New York il cambio tra le due valute e’ di $1.2502. L’oro ha chiuso in lieve ribasso nonostante la debolezza del biglietto verde. Il future con scadenza dicembre ha perso $2.50 a $417.60 all’oncia. Hanno guadagnato terreno i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.04% contro il 4.05% della chiusura di venerdi’.

Per un commento operativo su indici, settori e titoli, vedi
l’aggiornamento
di meta’ sessione, curato da Marco
Bonelli
.