WALL STREET: IL NASDAQ CERCA DI RIALZARE LA TESTA

26 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dalla campanella di chiusura sulle borse USA, il Nasdaq lotta per superare il momento di appannamento e riportarsi in territorio positivo.

Nessun problema invece per il Dow Jones, che continua la propria corsa al rialzo, sostenuto dalla buona giornata dei titoli finanziari e della grande distribuzione.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

A pesare sul tabellone elettronico e’ in particolare la flessione che ha colpito il comparto semiconduttori, soffocato dai ‘profit warning’ arrivati in mattinata da PMC Sierra (PMCS – Nasdaq) e Conexant (CNXT – Nasdaq), e dai giudizi poco confortanti sugli utili di tutto il settore, rilasciati dalla banca d’affari Goldman Sachs.

Tra i tecnologici soffre anche Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) che adesso perde il 5% e si riavvicina alla soglia dei $17,73 – il minimo ‘intraday’ sulle 52 settimane – sulle voci di un ‘profit warning’ imminente.

Meglio fanno i titoli del comparto biotecnologico, con il Nasdaq Biotechnology Index che guadagna quasi il 32%.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore sanita’, auto, edilizio, linee aeree, telecomunicazioni, utility, trasporti, biotecnologico, tabacco, farmaceutico.

In calo invece il settore semiconduttori, bevande analcoliche, oro, tempo libero, prodotti per l’ufficio.