WALL STREET: IL DOW JONES RAGGIUNGE QUOTA 10.000

14 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

A circa due ore dalla chiusura, il mercato azionario americano continua a muoversi in buon progresso, con l’indice industriale che ha brevemente varcato la barriera psicologica dei 10.000 punti per la prima volta quest’anno. Il Dow Jones varco’ la detta soglia per la prima volta in assoluto nel 1999. Negli ultimi 10 anni si e’ visto l’indice salire fino a +42% oltre i 10.000 punti, ai picchi del 2007, e trattare ad un livello del 37% inferiore, in prossimita’ dei minimi di quest’anno. A fare da volano agli acquisti sono state le notizie giunte dal fronte societario, con gli utili di JP Morgan e Intel che hanno battuto le attese.

Nel frattempo i prezzi del greggio guadagnano terreno, favorendo i titoli legati al settore petrolifero, mentre il dollaro continua il suo periodo no, scivolando sui livelli piu’ bassi da agosto 2008 e i Titoli di Stato accusano cali pesanti.

JP Morgan fa un balzo del 3% dopo che la crescita sorprendente dei ricavi provenienti dal mercato a reddito fisso ha aiutato la banca a incrementare il profitto di quasi sette volte.
Intel da parte sua avanza del 2.6% dopo che le previsioni sul fatturato della maggiore produttrice di chip al mondo hanno superato le stime degli analisti di $1 miliardo. Se puo’ interessarti, in borsa si puo’ guadagnare accedendo alla sezione INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 76 centesimi al giorno, provalo ora!

Dopo le cifre pubblicate in ambito macroeconomico relative alle vendite al dettaglio, scese meno del previsto in settembre, le azioni delle societa’ retail Macy’s e Nordstrom mettono a segno rialzi consistenti. Tra i settori a guidare i rialzi sono i finanziari e i tecnologici. L’indice delle Borse mondiali MSCI registra un progresso di quasi l’1.5%.

“La domanda principale che si facevano tutti in vista della stagione delle trimestrali era ‘la crescita del fatturato sara’ solida se confrontanta con l’andamento dei titoli sul mercato?’ sembra che sinora lo sia”, ha dichiarato Michael Vogelzang, chief investment officer di Boston Advisors LLC. “Ogni giorno che passa, un numero sempre maggiore di investitori che prima erano scettici diventa fiducioso”.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Steel-SLX +3.8%, U.S. Broker-Dealers-IAI +3.0%, Dow Transports-IYT +2.8%, Coal-KOL +2.5%, Financials-XLF +2.4%, Realty Majors-ICF +2.3% e Retail-RKH +2.2%. Tra i piu’ forti ribassi: Volatility-VXX -2.8%, Natural Gas-UNG -2.0%, 20+ yr Treasuries-TLT -1.1% e U.S. Dollar UUP -0.5%.

Sullo stesso tema leggere anche gli articoli, analisi e commenti pubblicati da Wall Street Italia nelle ultime settimane:

WALL STREET: ATTENZIONE CHE SIAMO QUASI AL FINALE

WALL STREET: IL RIALZO PIU’ INGANNEVOLE DELLA STORIA

GURU CATASTROFISTI: SI CONSIGLIA SOLO A UN PUBBLICO MATURO

ALERT AZIONARIO: STA NASCENDO UNA BOLLA

FENOMENOLOGIA DEL RALLY DEL BABBEO (A NEW YORK)

BORSA: OBIETTIVI RAGGIUNTI, L’ANALISI TECNICA GETTA LA SPUGNA