WALL STREET: I LISTINI USA SI PRENDONO UNA PAUSA

16 Novembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in lettera. Il dato sull’indice dei prezzi alla produzione e’ risultato all’1.7% rispetto alle attese di +0.6%. Wal/Mart (WMT) e Home Depot (HD) hanno fatto commenti positivi per il nuovo anno. Negativi invece i commenti da parte di General Motors (GM) che ha annunciato di avere problemi a raggiungere l’obiettivo di profitto di 10 centesimi ad azione per il 2005.

Al momento, l’indice Dow Jones sta perdendo 56 punti a 10491, il Nasdaq è in ribasso di 16 punti a 2077 e l’S&P500 è in lettera di 7 punti a 1176.

Si stanno distinguendo in negativo i settori linee aeree, semiconduttori, immobiliare ed Internet.

Le letture del rapporto “put-call” sono basse: 95% alle 10:00 e 93% alle 11:00.
L’indice VIX si trova al livello di 13.35. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di -700. I volumi sul NYSE sono di 561 milioni di titoli scambiati.

Il livello di ipercomprato del mercato e’ sceso da 7.5 di venerdi’ a 7.0. Siamo dell’opinione che per ridurre ancora tale livello non sia necessario un forte ribasso. Siamo piuttosto convinti che il mercato fara’ segnare una serie di sessioni di pausa, muovendosi lateralmente, considerando soprattutto la forza relativa mostrata dagli “internals”, in particolare dall’indice “advance/decline”, e dalla tecnologia, semiconduttori in particolare.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina considerato il tono negativo della giornata, tutte le nostre posizioni stanno scambiando in lettera, in particolare TXN –2%, KLAC -1.3% e GILD -1.2%. In ribasso anche PLT e TWP che stanno perdendo lo 0.2%, mentre PETC e’ pressoche’ invariato.

Tra le posizioni rimaste

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sull’indice dei prezzi al consumo, sul settore immobiliare e sulla produzione industriale.

POSIZIONI RIALZISTE:

GILD (APERTA IL 27/9 A $35.80; ATTUALE $35.46; PERF –0.95%)

TWP (APERTA IL 29/9 A $43.65; ATTUALE $46.90; PERF +7.45%)

KLAC (APERTA IL 7/10 A $43.15; ATTUALE $45.12; PERF +4.57%)

TXN (APERTA IL 7/10 A $22.81; ATTUALE $24.32; PERF +6.62%)

PLT (APERTA IL 1/11 A $43.80; ATTUALE $44.90; PERF +2.51%)

PETC (APERTA IL 5/11 A $35.98; ATTUALE $37.10; PERF +3.11%)

YHOO (APERTA IL 8/11 A $36.85; CHIUSA IL 12/11 A $38.0 PERF +3.12%)

VRSN (APERTA IL 8/11 A $27.40; CHIUSA IL 12/11 A $30.32; PERF +10.66%)

WSM (APERTA IL 8/11 A $39.12; CHIUSA IL 15/11 A $41.16; PERF +5.21%)

AEOS (APERTA IL 8/11 A $41.94; CHIUSA IL 12/11 A $43.20; PERF +3.0%)