WALL STREET: GOLDMAN SACHS RASSICURA IL NASDAQ

22 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

La zavorra del ‘profit warning’ emesso dal colosso farmaceutico Merck (MRK – Nyse) spinge l’indice dei titoli industriali al ribasso a fronte di un ritrovato ottimismo che sta invece investendo il tabellone elettronico.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Malgrado i pessimi dati di bilancio di Micron Technology (MU – Nyse) gli investitori hanno ben accolto le previsioni degli economisti di Goldman Sachs di un prossimo taglio di 50 punti base dei tassi d’interesse.

Merck, una delle trenta blue chip dell’indice Dow Jones, ha ammesso questa mattina di non essere in grado di raggiungere le stime di bilancio per il secondo trimestre e l’intero anno.

Sul fronte tecnologico, non c’e’ tregua per il settore semiconduttori. Sotto pressione oggi il titolo Micron Technology dopo che nella tarda serata di giovedi’ la societa’ ha riportato per il trimestre appena concluso una perdita ben superiore a quanto atteso dal mercato.

L’indice rappresentativo del settore il SOX (SOX – PHLX) sta tuttavia registrando un incremento del 2,93%, segno che alcuni operatori ritengono a questo punto allettanti i prezzi delle produttrici di chip.

Cattive notizie anche dal settore informatico. Merrill Lynch ha ridotto le proprie stime su Compaq (CPQ – Nyse) in seguito alla debole domanda per PC e server, allargatasi all’Europa e ancora persistente negli USA.

Ma anche in questo caso l’indice di settore l’ IXCO (IXCO – Nasdaq) segna un incremento dello 0,99%.

Tornando sul fronte industriale, Ronald Tadross, analista di Banc of America, ha ribassato il proprio rating su General Motors (GM – Nyse), portandolo da “Market erformer” a “Underperform”, dichiarando di ritenere il titolo sopravvalutato.