WALL STREET: GLI INDICI VIRANO IN NEGATIVO

19 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Alla soglia di eta’ giornata sulle borse USA, l’incertezza continua a farla da padrone. Gli indici si presentano adesso in territorio negativo, con il Dow trascinato in rosso da un Nasdaq che accentua la flessione della mattinata.

A pesare sul Nasdaq e’ in particolare il ‘profit warning’ arrivato in mattinata dal gignate delle fibre ottiche Corning.

Verificare in prima pagina aggiornamento indici in tempo reale.

In assenza di altri spunti di rilievo, a dominare la mattinata di contrattazioni e’ stata soprattutto la cautela, come dimostra anche il ridotto volume di scambi, con 216 milioni di titoli scambiati sul Nyse e 358 milioni sul Nasdaq.

Un’indicazione confermata anche dalle rilevazioni di Trim Tabs, una societa’ di ricerca specializzata nel monitoraggio dei flussi di capitali, secondo cui negli ultimi cinuqe giorni di contrattazioni il movimento di denaro verso le borse USA si e’ drasticamente ridotto.

Dopo i pesanti rovesci della settimana scorsa, sembra dunque prevalere tra gli investitori una strategia attendista, aspettando la riunione del Federal Open Market Comitte (FOMC) -l’organo della Fed che decide in materia di politica monetraia – in programma martedi’ a Washington.

La speranza degli investitori e’ che dalla riunione del FOMC arrivi un taglio dei tassi di interesse di 75 punti base che possa rilanciare il mercato.

Speranza che rischia pero’ di essere disattesa, come sottolinea il capo economista di Aubrey Lanston & Co., David Jones.

“Dall’economia reale cominciano ad arrivare segnali positivi – commenta Jones – e la Fed e’ solita prendere le decisioni guardando all’economia reale. L’ultima cosa che un banchiere centrale vuole e’ sentirsi in ostaggio dei mercati finanziari”.

Diverso il parere di David Wyss, capo economista di Standard & Poor’s, che invece si attende una riduzione dei Fed Fund di tre quarti di punto.

Secondo Wyss il crollo dei mercati finanziari potrebbe essere la causa della piu’ generale debolezza dell’economia. “Il lavoro di Greenspan non e’ quello di salvare il mercato – commenta Wyss – ma di salvare l’economia reale dal crollo del mercato finanziario”.

In controtendenza si presenta invece il settore finanziario, dopo che questa mattina l’analista di Lehman Brothers, Mark Costant, ha rivisto al rialzo i propri giudizi sui titoli Merrill Lynch (MER – Nyse), Goldman Sachs (GS – Nyse) e Morgan Stanley (MWD – Nyse).

Il titolo Merrill Lynch guadagna quasi il 3%, Goldman Sachs e’ in rialzo del 2%, mentre Morgan Stanley cresce di quasi il 2%.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore petrolifero, chimico, acciaio, auto, beni durevoli.

In calo invece il settore difesa, assicurativo, bancario.

Tra i principali titoli in movimento in mattinata a Wall Street:

Nel settore telecomunicazioni wireless:

Il gigante delle infrastrutture per telecomunicazioni Lucent Technologies (LU – Nyse) ha ottenuto un contratto per la fornitura di tecnologia wireless a Verizon (VZ – Nyse), il piu’ grande operatore di telefonia mobile degli Stati Uniti. Il contratto vale $5 miliardi e durera’ 3 anni. Il titolo Lucent guadagna quasi il 12,5%, mentre il titolo Verizon perde quasi lo 0,5%.

Nel settore semiconduttori:

Intel (INTC – Nasdaq), il primo produttore di microchip del mondo, ha ufficialmente lanciato oggi il nuovo processore Pentium 3 per computer portatili. Il nuovo chip e’ il primo per computer portatili a girare a 1 gigahertz, diminuendo il gap con i chip Pentium 4 per computer desktop, che girano a 1,5 gigahertz. Il titolo perde oltre l’8%.

Nel settore alimentare:

Kraft Foods, il piu’ grande produttore di generi alimentari degli Stati Uniti e una delle unita’ di Philips Morris (MO – Nasdaq) sta preparando il suo debutto in borsa. La societa’ punta a raccogliere $5 miliardi in quello che potrebbe diventare uno dei piu’ grandi IPO di sempre. L’ammontare sara’ utilizzato per ridurre il debito di lungo termine di $11 miliardi che pesa su Philip Morris. Kraft non ha specificato la data esatta dell’IPO ne’ la percentuale societaria che rimmarra’ nelle mani della multinazionale del tabacco. Il titolo Philip Morris perde quasi lo 0,5%.

Nel settore infrastrutture di rete:

Corning Inc. (GLW – Nyse), una delle societa’ leader nel settore delle fibre ottiche, ha rivisto questa mattina le proprie stime di bilancio relative al 2001. La societa’, secondo cui il settore e’ destinato a registrare un rallentamento superiore a quanto precedentemente anticipato, prevede adesso di chiudere l’anno con utili pro forma compresi tra $1,20 e $1,30. I principali analisti di Wall Street si attendevano un utile di $1,36 per azione. Il titolo guadagna oltre il 4%.
(Vedi Utili: Corning lancia ‘profit warning’ su 2001)

Nel settore abbigliamento:

La casa di moda Gucci (GUC – Nyse) e’ in trattative per l’acquisto dell’unita’ Valentino SpA dalla holding Partecipazioni Industriali, per un valore di $450 milioni. Lo riporta l’edizione online del Women’s Wear Daily di oggi. Il titolo Gucci perde quasi lo 0,5%.

Nel settore finanziario:

La banca d’affari Goldman Sachs (GS – Nyse) questa mattina ha ritirato un ‘downgrade’ appena emesso sul colosso Internet Terra Lycos (TRLY – Nasdaq) che ha causato un calo del titolo sui mercati europei e nel preborsa USA. Il titolo Goldman Sachs guadagna quasi il 2%, mentre il titolo Terra Lycos perde quasi il 3,5%.