WALL STREET: GLI INDICI USA AUMENTANO LE PERDITE

12 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta gli indici azionari Usa hanno esteso le perdite, condizionati dalla debolezza dei titoli tecnologici. La peggiore performance la registra il Nasdaq, che cede quasi l’1% a 1927. Meno negativo il bilancio del Dow Jones, in calo dello 0.32% a quota 10180, e dell’S&P500, che arretra dello 0.34% a 1109.

Piuttosto deboli i volumi di scambi, con 350 milioni di azioni trattate al Nyse e 500 milioni al Nasdaq. Il rapporto adavance/decline nei due mercati e’ rispettivamente di 12 a 17 e 9 a 19.

Richard McCabe, market strategist di Merrill Lynch, ritiene che gli indici americani dovrebbero mostrare ulteriore debolezza nelle prossime settimane, dopo aver fallito il tentativo di rompere il recente trading range nel corso dell’ultimo accenno di rally.

McCabe definisce pero’ l’ultimo trend correttivo come “un’interruzione piuttosto che la fase conclusiva del bull market ciclico post-2002”. Ma per Bob Dickey, analista tecnico di Dain Rauscher, il ritracciamento del Nasdaq e’ a meta’ del suo percorso.

Dopo i recenti profit warning lanciati da alcuni gruppi software, le preoccupazioni sull’hi-tech oggi le hanno alimentate i commenti negativi di Merrill Lynch sul settore dei semiconduttori. I titoli del comparto, si legge in una nota della banca, hanno un potenziale di rialzo molto limitato.

Dopo aver ridotto le previsioni sulle vendite di chip per il 2004-05, il broker ha tagliato il rating sul comparto da “overweight” a “underweight”. I commenti negativi non hanno risparmiato il n.1 dell’industria, Intel.

Il titolo oggi e’ quello che registra la peggiore performance tra i componenti del Dow Jones. Perdite sostenute colpiscono inoltre Honeywell, Pfizer, Alcoa, Merck e DuPont. Tra le poche eccezioni col segno positivo, IBM, J.P. Morgan, American Intl. Group e Wal-Mart.

Molto probabilmente, secondo numerosi esperti, a determinare la direzione dei listini nelle prossime giornate sara’ l’andamento degli utili societari. Questa settimana sono attesi, tra gli altri, i bilanci di Johnson & Johnson, Citigroup, Intel, IBM ed Apple Computer. Nel frattempo la societa’ di semiconduttori Novellus ha battuto le previsioni degli analisti sui risultati trimestrali, ma il titolo e’ in forte ribasso. [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

Sugli altri mercati, sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.44% contro il 4.47% della chiusura di venerdi’. L’oro cede 40 centesimi a $407.50 all’oncia e il petrolio guadagna 34 centesimi a $40.30 al barile. Ancora debole il dollaro, che contro l’euro viene scambiato a 1.2411.