WALL STREET: GLI INDICI ESTENDONO I GUADAGNI

1 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta gli indici azionari americani sono in netto progresso, spinti dalle buone notizie provenienti dal fronte macroeconomico e dai commenti positivi di alcune banche sui titoli tecnologici. Il Dow Jones guadagna l’1.05% a 10186 e l’S&P500 l’1.42% a 1130. Ancora piu’ frizzante il Nasdaq: l’indice tecnologico sale del 2.09% a 1936.

Anche oggi gli acquisti si concentrano sul settore tecnologico. Una nota posititiva e’ arrivata ancora prima dell’apertura delle borse da Peoplesotf (PSFT – Nasdaq). La societa’ software ha annunciato il licenziamento dell’amministratore delegato Craig Conway citando la mancanza di fiducia nelle sue capacita’. Positiva la reazione del mercato: il titolo e’ in rialzo di oltre il 10%. A diffondere il buonumore hanno contribuito inoltre i commenti favorevoli espressi da alcune banche d’affari su Nokia (NOK – Nyse), Applied Materials (AMAT – Nasdaq), Novellus (NVLS – Nasdaq) e Teradyne (TER – Nyse).

In netto rialzo il gruppo di tecnologie per la televisione TiVo(TIVO – Nasdaq). La societa’ ha concluso un accordo con l’operatore e-commerce di noleggio DVD NetFlix (NFLX – Nasdaq). Dalla loro collaborazione nascera’ una tecnologia hi-speed per scaricare DVD dal computer.

Passando Dow Jones, tutti i titoli che lo compongono sono in territorio positivo. I migliori guadagni li stanno realizzando Intel, Honeywell, Hewlett-Packard e Walt Disney. In buon progresso anche Merck&Co, che dopo il crollo del 27% di giovedi’ a causa dell’annuncio del ritiro dal mercato di un farmaco, beneficia del giudizio positivo espresso da una banca. Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Numerosi gli appuntamenti economici della giornata. Alle 15:45 e’ stato pubblicato il dato definitivo sulla fiducia dei consumatori redatto dall’Universita’ del Michigan. Nel mese di settembre l’indice si e’ attestatato a 94.2 punti, in netto ribasso rispetto alle attese del mercato pari a 96.5.

Si e’ presentato sostanzialmente in linea con le stime degli economisti l’ISM Manifatturiero. Nel mese di settembre l’indicatore relativo all’attivita’ del comparto manifatturiero USA e’ sceso a 58.5 punti dai 59 di agosto.

Incoraggiante infine il livello di spesa per le costruzioni negli Stati Uniti, che nel mese di agosto e’ salito dello 0.8%, il doppio di quanto pronosticato.

Sugli altri mercati, il dollaro risale dai minimi di due mesi nei confronti dell’euro, sostenuto dai dati macroeconomici. Il cambio tra le due valute e’ a $1.2395. In modesto ribasso l’oro, penalizzato dalla relativa forza del biglietto verde. Il metallo prezioso perde $0.30 a $418.10 all’oncia.

In lieve flessione il petrolio. Il future con scadenza novembre perde $0.17 a $49.17 al barile. Si sono allentate le tensioni per la situazione in Nigeria, il principale produttore africano. Ribelli e governo hanno avviato le trattative. Continuano a sostenere le quotazioni del greggio, tuttavia, le preoccupazioni sulle condizioni dell’offerta e le notizie provenienti dall’Iraq.

In calo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.16% contro il 4.12% della chiusura di giovedi’.