WALL STREET: GLI INDICI AZZERANO I GUADAGNI

7 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta gli indici azionari azzerano i guadagni messi a segno nel corso della mattinata, condizionati dalle preoccupazioni sugli utili societari e sui profit warning provenienti dal settore tecnologico. Il Dow Jones perde lo 0.08% a 10210, il Nasdaq guadagna lo 0.03% a 1963 e l’S&P 500 lo 0.02% a 1116.

A pesare sull’umore degli operatori e’ il profit warning di PeopleSoft lanciato in mattinata, che ha alimentato i timori che i bilanci societari possano deludere le attese del mercato. Per il secondo trimestre PeopleSoft prevede un EPS di 13-15 centesimi contro le precedenti stime di 20-22. L’azienda sostiene che l’offerta di takeover lanciata da Oracle sia la causa principale del cattivo andamento del business.

Cresce, nel frattempo, l’attesa per la pubblicazione della trimestrale di Yahoo. La societa’ Internet diffondera’ i risultati dopo la chiusura delle borse.

Dei 30 titoli del Dow Jones i migliori guadagni li realizzano Alcoa, America Express, McDonald’s e Hewlett Pachard. Sotto pressione, invece, JP Morgan Chase, AIG, General Motors e Merck& Co. [Vedi decine di azioni in movimento segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, utilizza il
link INSIDER]

Sugli altri mercati, il dollaro e’ in ribasso contro l’euro con il cambio tra le due valute a $1.2375. In forte recupero l’oro che beneficia della debolezza del biglietto verde e si spinge a $402.50 all’oncia.

Il petrolio e’ in lieve ribasso a $39.16 al barile dai $39.65 di martedi’. Pesa sui prezzi il ribadito impegno dell’Arabia Saudita di aumentare l’offerta nel mese di agosto. Il recente rincaro del greggio e’ da atribuirsi allo sciopero in Nigeria, all’attacco agli oleodotti in Iraq e al rischio di bancarotta del maggior esportatore russo, OAO Yukos. Domani il Dipartimento dell’Energia americano pubblichera’ i dati sul livello delle scorte della scorsa settimana. Gli economisti tendono per un aumento, anche se le previsioni sono miste.