WALL STREET: GLI ASSICURATIVI GUIDANO I RIALZI

26 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ seduta gli indici azionari americani sono in terreno positivo. Il Dow Jones guadagna lo 0.97% a 9846, l’S&P500 lo 0.91% a 1104 e il Nasdaq lo 0.30% a 1919.

Per un commento operativo su indici, settori e titoli, vedi
l’aggiornamento
di meta’ sessione, curato da Marco
Bonelli
.

Continua a catturare l’attenzione degli operatori il petrolio. Dopo un avvio incoraggiante, il future con scadenza dicembre e’ tornato a salire. Al momento guadagna 14 centesimi a $54.65 al barile. Rircordiamo che il prezzo del greggio lunedi’ ha raggiunto un nuovo record a quota $55.67, spinto dalle minacce di un’interruzione della produzione in Norvegia (terzo produttore al mondo) da parte delle aziende proprietarie di petroliere. L’intervento del governo norvegese nella vertenza sindacale ha allentato le pressioni. Un sostegno alle quotazioni continua ad arrivare tuttavia dalle preoccupazioni sull’offerta da Iraq, Nigeria e Russia con la stagione invernale ormai alle porte.

Non ha contribuito all’intonazione positiva della giornata l’ultimo dato sulla fiducia dei consumatori americani prima delle elezioni presidenziali. Nel mese di ottobre l’indicatore si e’ attestato a 92.8 punti, in calo rispetto ai 96.7 di settembre. Da notare che si tratta del livello piu’ basso dallo scorso marzo.

Un elemento positivo e’ arrivato dagli sviluppi dell’indagine sull’industria assicurativa avviata dalla magistratura Usa. Il procuratore generale di New York Eliot Spitzer ha dichiarato che non avanzera’ procedimenti penali contro Marsh & McLennan, la societa’ al centro dell’inchiesta per truffa, dopo l’annuncio delle dimissioni di lunedi’ del CEO Jeffrey Greenberg. Il titolo guadagna quasi il 5% e trascina al rialzo l’intero comparto.

Passando agli utili societari, oramai nel pieno della stagione, il colosso chimico DuPont ha battuto le previsioni degli analisti. Il titolo e’ pero’ in ribasso condizionato dalle dichiarazioni della compagnia su un possibile rallentamento della crescita a causa del rally dei prezzi energetici. Positive le cifre dai settori aerospazio e difesa, con le buone trimestrali e le previsioni incoraggianti di Lockheed Martin, Goodrich ed L-3 Communications. International Paper, nel frattempo, ha riportato un rialzo degli utili dell’84% (escluse le poste non ricorrenti) e British Petroleum del 44%. Negativo, invece, il risultato di Halliburton.

Tra le blue chip del Dow Jones i migliori rialzi li registrano il colosso assicurativo AIG, Alcoa, Amex, Home Depot e Honeywell. Guidano invece la classifica dei peggiori Hewlett-Packard, SBC Communications e DuPont. Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve rialzo i titoli di Stato. Il rendimento del Treasury a 10 anni scende al 3.96% dl 3.97% della chiusura di lunedi’. Il dollaro sta recuperando parte del terreno perso contro l’euro spinto dalle dichiarazioni del vice presidente della Federal Reserve Roger Ferguson. Ferguson ha rassicurato gli investitori dicendo che la crescita del PIL americano proseguira’ di buon passo. Il cambio tra le due valute e’ a $1.2743. L’oro e’ in flessione a $426.80.