WALL STREET: GIORNATA CALMA, INDICI POCO MOSSI

10 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi (“Veterans Day”) si e’ aperta in leggero denaro. Walt Disney ([[DIS]]) e American International Group ([[AIG]]) hanno pubblicato risultati trimestrali superiori alle attese. Boeing ([[BA]]) ha siglato un contratto di $15 miliardi con il governo. Il prezzo del greggio e’ in ribasso dell’1% sotto i $61 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in lettera di 12 punti a 12090, il Nasdaq e’ in rialzo di 5 punti a 2381 e l’S&P500 e’ invariato a 1377.
L’indice VIX e’ al livello di 10.71.
Lindice “advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +600.
Negative le performaces dei settori oro, servizi per l’educazione e ferrovie; in rialzo invece servizi per la telecomunicazione mobile, brokers assicurativi e linee aeree.
I volumi sul NYSE sono di 550 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, [[BBY]] e’ in rialzo dell’1.5%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Lunedi’ mattina, sara’ pubblicato il dato macro sul “Treasury Budget”.

POSIZIONI RIALZISTE:

[[SSTI]] (APERTA IL 29/12 A $5.16; CHIUSA IL 20/7 A $3.90; PERF. –24.14%)

[[FILE]] (APERTA IL 25/1 A $27.35; CHIUSA IL 26/7 A $31.60; PERF +15.54%)

[[BBY]] (APERTA IL 28/7 A $44.95; ATTULE $46.53; PERF +3.52%)

[[PDS]] (APERTA IL 19/9 A $32.70; CHIUSA IL 31/10 A $28.60; PERF -12.54%)

BORSA: NEW YORK POCO MOSSA, GIU’ DISNEY, AVANZA BOEING/ANSA

Borsa statunitense poco variata, in una giornata priva di dati macroeconomici, con l’ attenzione conseguentemente rivolta a senso unico alle trimestrali societarie ed alle prospettive di alcuni settori alla luce della vittoria dei Democratici nelle elezioni di midterm.

Fra i singoli titoli, Disney, nonostante la buona trimestrale diffusa ieri dopo la chiusura, accusa un ribasso di 1,21 dollari, a 32,37 dollari, in quanto l’ anno prossimo la tassazione più elevata e l’ incremento della spesa in conto capitale a detta dell’ azienda sono destinati a pesare sull’ andamento dei profitti nella misura di cinque cents per azione. Oltre a questo, il colosso dei media ha fatto presente che occorrerà attendere almeno cinque anni per ottenere un ritorno dagli investimenti fatti su Internet e nella telefonia mobile.

Il successo dei Democratici penalizza invece nel suo complesso i titoli delle tlc, in quanto si potrebbe verificare uno stallo nell’ approvazione delle nuove regole in questo settore. AT&T cede così 46 cents a 32,96 dollari mentre Verizon é in calo di 57 cents a 35,54 dollari. La trimestrale positiva comunicata sempre ieri dopo la chiusura delle contrattazioni premia il colosso assicurativo AIG, +2,2% a 69,55 dollari, in quanto i profitti sono più che raddoppiati ed al netto di alcune voci non ripetibili sono stati pari a 1,53 dollari per azione contro 1,46 dollari messi in conto dagli analisti di Thomson Financial. Bene si sta comportando inoltre Boeing, dopo essersi aggiudicato la maxi-commessa fino a 15 miliardi di dollari per la fornitura di elicotteri alla Difesa statunitense. Il titolo sale di 1,81 dollari, a 86,92.

Fra i farmaceutici, in grande spolvero Mylan Laboratories, +5,2% a 21,07 dollari, per via del fatto che l’ azienda ha ricevuto il via libera alla messa in commercio di un generico. Fra i tecnologici, Nvidia, uno dei maggiori produttori di semiconduttori per la grafica, cede 69 cents a 16,44 dollari dopo che alcuni analisti hanno abbassato la valutazione sul titolo anche se la trimestrale ha evidenziato risultati superiori alle aspettative.

Nel comparto dei viaggi, Expedia – la maggiore agenzia online – scende di 50 cents a 16,44 dollari in quanto l’ utile netto è diminuito del 28% anche a causa della svalutazione di alcuni asset. In deciso calo infine Bausch & Lomb, azienda produttrice di lenti a contatto, -2,24 dollari a 48,91 dopo che l’ utile al netto di alcune voci non ricorrenti è drasticamente sceso nel trimestre a 16,1 milioni di dollari dai 51,5 milioni precedenti.

Attorno alle 19.10 ora italiana l’ indice Dow Jones segna -0,11% a 12.090,42 punti, il Nasdaq composite +0,25% a 2.381,93 e lo S&P 500 -0,03% a 1.377,86.