WALL STREET: FUTURES SU INDICI ANCORA DEBOLI

2 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York, il contratto future sul Dow Jones accentua la flessione, mentre quello sul Nasdaq ondeggia indeciso sulla parita’.

I mercati sembrano attendere il flusso di dati economici di oggi e in particolare l’indice dei manager americani responsabili degli ordini di acquisto per le aziende americane (NAPM), che verra’ diffuso alle 16:00 (le 10:00 ora di New York).

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 0,80 punti (+0,07).

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in rialzo di 4 punti (+0,25%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 52 punti (-0,52%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1007,8 e rendimenti al 4,9%.

I mercati hanno terminato la seduta di venerdi’ scorso, l’ultima di un primo trimestre da dimenticare in cui il Nasdaq ha ceduto il 25,5% del suo valore, in territorio positivo ma la maggioranza degli operatori si e’ detta pessimista su una rapida ripresa a causa delle condizioni ancora preoccupanti dell’economia americana e degli utili aziendali.

“Non vi sono stati cambiamenti nel panorama economico o nelle valutazioni dei titoli tegnologici – ha detto James Volk, co-director of institutional trading di D.A. Davidson and Co. – I mercati sono ora piu’ vicini al fondo, ma non vedo nessun elemento catalizzatore per una inversione del trend di ribasso”.

Ancora notizie negative sul fronte societario dopo che i2Technology (ITWO – Nasdaq) ha fatto sapere che non rispettera’ le stime di bilancio per il primo trimestre dell’anno e si prepara a tagliare tra il 5% e il 10% della forza lavoro.