WALL STREET: FUTURES PEGGIORANO DOPO DATO

9 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York i futures reagiscono in maniera negativa al dato sulla disoccupazione USA in febbraio, cresciuta del 4,2% in linea con le aspettative degli analisti.

E’ dunque probabile che la Federal Reserve non interverra’ sui tassi di interesse prima della riunione del Federal Open Market Committee, in programma il 20 marzo.

A pesare sui contratti anche il profit warning lanciato da Intel e i rumors arrivati in mattinata sui licenziamenti in casa Cisco.

Alle 14:35 (le 8:35 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 12,5 punti (-0,76%).

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di 49 punti (-2,51%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 75 punti (-2,18%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1010 e rendimenti al 4,87%.