WALL STREET: FUTURES APPESANTITI DALL’HIGH TECH

21 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York i futures si mantengono stabilmente in territorio negativo. Pesa sul Nasdaq l’ennesima raffica di notizie negative arrivate dal settore high tech.

3Com Corp. ha chiuso il primo trimestre dell’anno, il suo terzo trimestre fiscale, con perdite superiori a quanto previsto dai principali analisti di Wall Street, a causa del forte rallentamento del settore telecomunicazioni.

Notizie negative anche da parte di Oracle. Il gigante del software ha preannunciato martedi’ il taglio dell’1%-2% del personale, e una crescita piatta di fatturato e utili per il trimestre terminato a febbraio.

Queste notizie non aiutano gli investitori a riprendersi dalla delusione di martedi’ di un taglio dei tassi d’interesse dello 0,5%, inferiore allo 0,75% che molti speravano.

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 4 punti (-0,35%).

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di 6 punti (-0,37%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 28 punti (-0,29%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $1021,3 e rendimenti al 4,73%.

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) e’ atteso il dato dell’indice dei prezzi al consumo USA relativo al mese di febbraio, che verra’ reso noto dal dipartimento del Lavoro.