WALL STREET: FUTURE NEGATIVI, SI ATTENDONO UTILI

16 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dall’apertura delle contrattazioni a New York, i future sono negativi. Nessuna reazione al dato sulle scorte di magazzino, rimaste invariate a maggio.

Alle 14.35 (le 8.35 a New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 2,70 punti (-0,22%).

Il contratto sull’indice Nasdaq arretra di 10,50 punti (-0,59%).

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 20 punti (-0,19%).

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a $98,41 e rendimenti al 5,21%.

Le scorte di magazzino, rimaste invariate a maggio, non hanno influito in modo particolare sull’andamento dei future.

Muovono il mercato Chiron (CHIR – Nasdaq), che perde in preborsa dopo un downgrade a “market underperform” da “market perform” da parte di Michael King, analista di Robertson Stephens.

L’analista, che ha definito il gruppo una delle societa’ biotech dalla crescita piu’ lenta, ha ribassato il rating sul titolo dopo che la Food and Drug Administration, l’agenzia federale che controlla cibo e medicinali, ha richiesto maggiori dati prima di approvare il suo sistema di analisi del sangue.

Sanmina Corp (SANM -Nasdaq) ha raggiunto un accordo per acquistare la sua maggior rivale SCI Systems (SCI – Nyse) per quasi $6 miliardi in azioni.