WALL STREET: FORTI VENDITE FIN DALL’AVVIO

10 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Avvio negativo per gli indici azionari Usa. Dopo essere saliti anche ieri, dopo la decisione della Fed di lasciare invariati i tassi d’interesse, in mattinata gli operatori intascano parte dei profitti. Il Dow Jones arretra dello 0.41% a 13307, l’S&P500 dello 0.40% a 1506, il Nasdaq perde lo 0.48% a 2563.

Dopo la decisione della Fed di lasciare invariati i tassi d’interesse, sui mercati non sembrano essere presenti al momento catalizzatori in grado di giustificare un’estensione del rally dei listini. Di buono c’e’ che la stagione degli utili si sta confermando migliore delle attese e che le trattative di M&A continuano in larga misura.

Sara’ dunque importante seguire con attenzione gli sviluppi macroeconomici per analizzare l’andamento dell’economia americana, ultimamente in fase di rallentamento a causa di alcune pressioni relative ai comparti immobiliare e manifatturiero.

I dati diffusi in mattinata si sono rivelati contrastati. Le condizioni nel comparto del lavoro restano buone (sussidi di disoccupazione in calo), mentre le pressioni inflazionistiche hanno ripreso a salire, come dimostra l’incremento dei prezzi all’importazione, saliti dell’1.3% lo scorso mese. Inoltre il deficit commerciale Usa e’ risultato in crescita del 10.4% dopo tre mesi consecutivi di ribassi.

A creare alcune pressioni nel comparto societario sono gli ultimi dati giunti dal comparto retail che hanno dimostrato un calo delle vendite comparate nell’ultimo mese. I due colossi Wal-Mart ([[WMT]]) e Target ([[TGT]]) trattano al ribasso in avvio. Risultati deludenti anche per Abercrombie & Fitch ([[ANF]]), Gap ([[GPS]]) e JC Penney ([[JCP]]) tra le altre.

Proseguono intanto le operazioni di fusioni ed acquisizioni societarie. Ad attrarre l’attenzione in mattinata e’ l’accordo tra Sanyo Electric Credit ([[SANYO]]) e la conglomerata industriale General Electric ([[GE]]) che ne ha rilevato il 97.15%. Attraverso l’operazione, costata poco piu’ di $1 miliardo, l’azienda americana punta ad un’espansione del proprio business nel mercato giapponese.

Nel comparto hi-tech, Lenovo ([[LNVGF]]) ha raggiunto un accordo con Microsoft ([[MSFT]]) che le permettera’ di installare nei propri personal computer alcuni software e il sistema operativo Windows per un costo complessivo di $1.3 miliardi.

Nel settore dei metalli, riflettori puntati ancora sul possibile merger Alcoa ([[AA]]) /Alcan ([[AL]]). Il gigante americano dell’alluminio si e’ detto disposto a vendere alcuni suoi business purche’ in grado di soddisfare i requisiti richiesti dall’autorita’ antitrust per poter completare l’acquisizione dell’azienda canadese.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures con consegna giugno guadagnano 74 centesimi a $62.29 al barile. Sul valutario, euro in calo nei confronti del dollaro a quota 1.3505. In ribasso di $6.70 l’oro a quota $675.80 all’oncia. In rialzo i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.6580%.

Vuoi vincere 5000 euro? Dai la tua opinione su WSI