WALL STREET FATICA A SALIRE, TRADING LENTO

21 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in leggero denaro. Boeing ([[BA]]) ha firmato un contratto di $5.5 miliardi con la Korean Air. Medtronic ([[MDT]]) ha pubblicato risultati trimestrali superiori alle stime. Il prezzo del greggio e’ in rialzo dell’1.5% a $59.70 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in ribasso di 2 punti a 12313, il Nasdaq e’ in lettera di 2 punti a 2449 e l’S&P500 guadagna 1 punto a 1401.
L’indice VIX e’ al livello di 9.87.
Lindice “advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +200.
Negative le performaces dei settori semiconduttori, prodotti chimici e autoveicoli; in rialzo invece oro, acciaio, raffinerie e alluminio.
I volumi sul NYSE sono di 562 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, [[BBY]] e’ in rialzo dello 0.6%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione, sul “sentiment” dell’Universita’ del Michigan e sulle scorte di greggio.

POSIZIONI RIALZISTE:

[[SSTI]] (APERTA IL 29/12 A $5.16; CHIUSA IL 20/7 A $3.90; PERF. –24.14%)

[[FILE]] (APERTA IL 25/1 A $27.35; CHIUSA IL 26/7 A $31.60; PERF +15.54%)

[[BBY]] (APERTA IL 28/7 A $44.95; ATTULE $46.53; PERF +3.52%)

[[PDS]] (APERTA IL 19/9 A $32.70; CHIUSA IL 31/10 A $28.60; PERF -12.54%)

BORSA: CALMA PIATTA A NEW YORK IN VISTA THANKSGIVING/ANSA

Seduta piatta a New York, in quanto gli operatori di Borsa già pensano alla Giornata del Ringraziamento in calendario giovedì, di conseguenza i volumi sono sottili e le oscillazioni degli indici rarefatte. Oggi inoltre non erano in calendario dati congiunturali, per cui non è stato possibile alimentare il dibattito sullo scenario futuro dei tassi d’ interesse.

L’ attenzione è stata rivolta ai singoli titoli, a cominciare da Google, che è salito per la prima volta sopra i 500 dollari, con una capitalizzazione di 155 miliardi che ha permesso al primo motore di ricerca Internet di scavalgare Chevron. Per il resto, il comparto energetico ha risalito la corrente sulla scia dell’ andamento al rialzo del prezzo del petrolio, autorevolmente sopra i 59 dollari. Valero Energy, la maggiore società di raffinazione, guadagna 1,05 dollari, a 52,79 dollari, mentre Schlumberger (numero 1 nei servizi petroliferi) é in rialzo di 1,19 dollari, a 64,44.

Fra i titoli di maggiore richiamo la seduta è positiva per Boeing, +84 cents a 89,96 dollari in quanto il gruppo si è aggiudicato una commessa da 5,5 miliardi di dollari per la fornitura di velivoli a Korean Air Lines. Nel settore sanitario, Medtronic – maggiore produttore mondiale di defibrillatori cardiaci – sale di 4,05 dollari a 53 dollari dopo una trimestrale positiva, con un utile per azione di 59 cents contro i 56 accreditati dagli analisti. Il rialzo trascina anche St. Jude Medical, che opera nello stesso segmento, +1,18 dollari a 37,64.

Nel comparto dell’ auto ancora una volta è in ribasso General Motors, -99 cents a 33,19 dollari. Il titolo della casa di Detroit nelle ultime tre sedute ha perso poco meno del 7%. Fra i tecnologici, l’ attesa è per i conti preliminari di Dell, che saranno diffusi a Borsa chiusa, dopo le note peripezie che fino ad oggi hanno fatto slittare la trimestrale, per via di un’ indagine sulla contabilità. Nel frattempo il titolo sale di 25 cents a 24,9 dollari. Intel (semiconduttori) cede invece 52 cents, a 21,75 dollari, mentre Novellus Systems è in flessione di 1,13 dollari, a 31,97. In quest’ ultimo caso il titolo risente di una valutazione al ribasso data da alcuni analisti, che lo hanno degradato a ‘hold’, cioé tenere, dal precedente ‘buy’.

Fra i gruppi che hanno presentato la trimestrale, Deere, il colosso dei trattori, balza in avanti di 3,38 dollari (a 92,79) perché nel quarto trimestre fiscale i profitti sono cresciuti del 19% mentre i ricavi – a quota 5,12 miliardi – non hanno superato le attese degli analisti. Fra i titoli minori, Pacific Ethanol guadagna 1,22 dollari, a 18,71. Il produttore di etanolo ha registrato infatti un utile per azione di sette cents, nettamente al di là delle stime degli analisti.

Attorno alle 19.05 ora italiana l’ indice Dow Jones guadagna lo 0,11% a 12.330,0 punti, il Nasdaq composite segna +0,07% a 2.454,42 e lo S&P 500 +0,15% a 1.402,56.