Società

WALL STREET FA DIETROFRONT ED ESTENDE LE PERDITE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in leggero denaro. Il dato macroi sulle vendite di case gia’ esistenti e’ sceso dell’1.2%. Il dato sulla fiducia dei consumatori ha sorpreso salendo a 105.7. Il prezzo del greggio e’ tornato al di sopra dei $72 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in lettera di 70 punti a 10974, il Nasdaq perde 15 punti a 2118 e l’S&P500 e’ in ribasso di 4 punti a 1245.
L’indice “advance/decline” sta facendo registrare una lettura di -400.
L’indice VIX e’ al livello di 15.90.
Positive le performances dei settori raffinerie, fertilizzanti, oro e tabacco; in ribasso invece servizi per l’ambiuente, semcionduttori e automobili.
I volumi sul NYSE sono di 622 milioni di titoli scambiati.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, FILE perde oltre il 2%, mentre SSTI perde l’1%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, sara’ pubblicato il dato sulle scorte di greggio.

POSIZIONI RIALZISTE:

SSTI (APERTA IL 29/12 A $5.16; ATTUALE $3.54; PERF. –31.40%)

FILE (APERTA IL 25/1 A $27.35; ATTUALE $26.13; PERF -4.46%)

BORSA: WALL STREET NEGATIVA SU TIMORI TASSI, GIU’ GM/ANSA

Wall Street procede negativa, mandando in fumo i guadagni della precedente sessione. Sul listino Usa tornano ad affacciarsi i timori relativi a ulteriori rialzi del costo del denaro alla vigilia della riunione della Federal Reserve in cui si dà praticamente per scontato un altro ritocco all’ insù dei tassi.

In questo scenario, gli indici poco si giovano delle notizie di acquisizioni come quella dell’ ammontare di 12 miliardi di dollari che ha riguardato il network Usa di lingua spagnola Univision da parte di una cordata di investitori guidata dal multimiliardario Haim Saban. Ieri erano stati proprio gli annunci di diverse operazioni di merger e acquisizioni a ridare fiato ai listini dopo due sedute di ribassi. Poco impatto sul mercato azionario ha anche avuto l’ indice del Conference Board che misura la fiducia dei consumatori, inaspettatamente salito a maggio a 105,7.

Guardando all’ andamento dei singoli titoli, si segnalano i cali di General Motors che risulta la maglia nera del Dow Jones. GM lascia sul terreno il 4,6%, a 26,47 dollari, dopo che il management ha dichiarato che le vendite 2006 saranno con ogni probabilità in flessione rispetto allo scorso anno a causa del caro-energia e del costo del denaro più alto. I secondi maggiori ribassi sul DOw Jones li registra Dupont che cede 95 cents, a 41,09 dollari, dopo che il gruppo francese Vivendi ha annunciato di aver ceduto la sua quota nel colosso chimico.

Sorride invece il settore petrolifero spinto in alto dai guadagni registrati oggi dal greggio, tornato a New York sopra i 72 dollari barile: Exxon Mobil guadagna 94 cents, a 59,76 dollari. Male Genentech: il gruppo biotech cede 15 cents, a 78,96 dollari, dopo aver reso noto di aver fermato la sperimentazione sul suo farmaco anti-tumurale Avastin dopo l’ insuccesso dell’ ultima fase.. Giornata-sì invece per Univision Communications che balza del 7%, a 34,27 dollari, dopo la notizia del suo acquisto da parte della cordata guidata da Saban.

Quando sono trascorse poco più di tre ore dall’ avvio delle contrattazioni, questa la situazione dei principali indici della Borsa Usa: il Dow Jones cede lo 0,79% (10.957,95 punti), lo S&P 500 perde lo 0,51% (1.244,21) e il Nasdaq cede lo 0,92% (2.114,08).