WALL STREET ESTENDE IL RALLY PRIMA DELLA FESTA

3 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani hanno esteso il rally della sessione precedente in una seduta abbreviata e caratterizzata da un volume di scambi eccezionalmente basso in vista della pausa per la festivita’ dell’ Independence Day. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0.31% a 13577, l’S&P500 lo 0.36% a 1524, il Nasdaq e’ avanzato dello 0.48% a 2644. Mercoledi’ i mercati Usa resteranno chiusi tutto il giorno; il trading riprendera’ regolarmente nella giornata di giovedi’.

Il sentiment positivo che ha caratterizzato l’inizio del nuovo trimestre ha continuato a rimanere in forza. In avvio di settimana i listini avevano terminato la seduta in rally grazie alla ripresa dell’attivita’ di M&A, al calo dei rendimenti sui bond (sotto la soglia del 5%) e a un buon dato macro che ha mostrato un’inaspettata accelerazione del comparto manifatturiero.

Le nuove operazioni di fusioni ed acquisizioni societarie e le prospettive ottimiste sul flusso di trimestrali hanno aiutato gli operatori a superare senza difficolta’ i deludenti aggiornamenti giunti subito dopo l’apertura dal fronte macro. A maggio gli ordini alle fabbriche sono scesi dello 0.5%, segnando il primo calo degli ultimi quattro mesi; le vendite di case con contratti ancora in corso hanno registrato un calo del 3.5%, in controtendenza con le previsioni del mercato che erano per un rimbalzo dello 0.3%.

Tra le operazioni di M&A, in evidenza la proposta del colosso alimentare Kraft ([[KFT]]), spin-off di Altria ([[MO]]), per il business globale di biscotti del Gruppo Danone ([[DA]]) per un controvalore di $7.2 miliardi che potrebbe essere pagato interamente con debito.

Nel comparto dei metalli, Teck Cominco ([[TCK]]) ha raggiunto un accordo per rilevare la rivale canadese Aur Resources in un’operazione cash & stock valutata $3.9 miliardi.

Il primo milione (di euro) e’ sempre il piu’ difficile. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

A polarizzare l’attenzione degli operatori e’ stato anche il comparto dell’auto in occasione delle pubblicazione delle vendite mensili. Ford Motor ([[F]]) ha riportato un calo delle vendite dell’8.1% nel mese di giugno, in ribasso dello 0.8% quelle di DaimlerChrysler ([[DCX]]).

Tra i titoli del Dow Jones le migliori performance sono state registrate da Boeing ([[BA]]), General Electric e IBM ([[IBM]]). A guidare la strada dei ribassi sono stati Caterpillar ([[CAT]]), indebolito dal downgrade di UBS che ne ha tagliato anche il target price, AT&T ([[T]]) e Home Depot ([[HD]]).

A livello settoriale, si sono distinti in positivo i comparti Airline +2.6%, Computer-Hardware +1.4%, Networking +1.3%, Broker/Dealer +1.2%, Trucking +1% e Health Provider +0.9%. Debolezza, invece per i titoli dei gruppi Home Construction -0.7%, Mining -0.4% e Retail -0.3%.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, il greggio ha continuato a trattare sui massimi di 10 mesi. I futures con consegna agosto hanno chiuso invariati a $71.09 al barile.

Sul valutario, euro in leggera flessione rispetto al dollaro: il cambio tra le due valute e’ di 1.3612. In leggero calo l’oro. I futures con consegna agosto hanno chiuso a $655.50 all’oncia, in ribasso di $3.70. Giu’, infine, anche i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 5.048%.